Governo, Berlusconi “Abbiamo il dovere di provare a cambiarlo”

News Italpress

ROMA (ITALPRESS) – "La via maestra, lo diciamo tutti da tempo, rimane quella di restituire la parola agli italiani perche' vi sia finalmente un governo espressione della volonta' degli elettori, dopo quasi 10 anni da quando il nostro governo venne fatto cadere da una congiura di palazzo. Tuttavia mi rendo conto che la strada per le elezioni sia particolarmente difficile, sia per le ovvie resistenze del ceto politico, sia per motivi oggettivi legati all'emergenza sanitaria ed economica. Se quindi non fosse possibile andare alle urne in tempi brevi, rimarrebbe il problema di cambiare un governo e una maggioranza oggettivamente inadeguati". Cosi' il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in un'intervista a Il Giornale. "Voglio essere molto esplicito: io non credo che in questo Parlamento vi siano le condizioni per dare vita a un governo adeguato alla gravita' della situazione del Paese. Se tuttavia molti parlamentari si rendessero conto della necessita' di anteporre all'interesse personale o all'appartenenza di partito il bene collettivo, se alcune forze politiche fossero disponibili a dare vita a un governo diverso e migliore di questo, forse sarebbe il caso di parlarne", aggiunge. Secondo Berlusconi, poi, "fra l'ipotesi di tenerci per altri due o tre anni il governo Conte, con i Cinque Stelle come 'azionisti di riferimento' e quella di avere un governo diverso, piu' autorevole, piu' credibile in Europa e nel mondo, che faccia una politica adeguata per uscire dalla crisi, che sia piu' in sintonia con la maggioranza degli italiani, io dico che vale la pena almeno di pensarci. Il centrodestra potrebbe ragionarne insieme – se mai ve ne fosse la possibilita' concreta – e insieme decidere come comportarsi". (ITALPRESS). ads/red 05-Lug-20 09:34

Condividi!