Superbonus 110%. È corsa alle agevolazioni per ristrutturazioni delle abitazioni e non solo. In ballo il rilancio dell’economia e del lavoro. Ecco tutto quello che c’è da sapere, a chi rivolgersi, per quali ristrutturazioni e con quali incentivi.

Economia

Per il Superbonus 110% è iniziata la corsa. È una di quelle misure straordinarie, che dovranno nelle intenzioni rigenerare l’economia, rilanciare l’edilizia – settore trainante – per valore finanziario, occupazionale e strategico per l’innesco di un circuito economico positivo. Il percorso per quanti vogliono avere il beneficio, che potrebbe essere anche totale, non sarà semplice, ma nemmeno complicatissimo. Molte le indicazioni che possono essere acquisite sia da fonti giornalistiche, che di categoria, da Confindustria a Confcommercio, da Cna a Confesercenti. Tra queste c’è la guida e una piattaforma della Cgil e del Caaf per facilitare le richieste delle detrazioni di chi vorrà usufruire delle norme disposte dal governo. Come è noto si potrà rendere i propri edifici più efficienti dal punto di vista energetico e più sicuri dai rischi di un sisma.

Il sindacato è al lavoro per tutelare i cittadini che intendono usufruire del Super ecobonus 110%, contenuto nel decreto Rilancio, per mezzo di una guida pratica e una scheda tecnica a cura dell’area Politiche per lo sviluppo della Cgil nazionale e attraverso una piattaforma ad opera del Caaf Cgil che sarà in grado di gestire l’intero iter burocratico per accedere all’abbuono.

“Il Super ecobonus”, si legge in una nota di presentazione di Collettiva, “offre una buona opportunità per il rilancio dell’edilizia con detrazioni che riguarderanno gli interventi eseguiti dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021 con detrazioni ripartite in 5 anni. Potrà usufruirne chi ha sostenuto spese per interventi di efficienza energetica e riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica di veicoli elettrici, a condizione che sia garantito e certificato al termine dei lavori un aumento del risparmio energetico degli edifici o delle disposizioni antisismiche.

Il beneficio fiscale è esteso anche ai cosiddetti “interventi trainati”, solamente se effettuati congiuntamente a uno degli interventi previsti per il Super ecobonus, si tratta di isolamento termico, sostituzione degli impianti di riscaldamento e lavori antisismici in fascia 1, 2 e 3.  Il contribuente potrà optare per lo sconto in fattura anticipato dai fornitori di beni e servizi oppure per la cessione del credito d’imposta a favore dei fornitori o di altri soggetti, compresi gli istituti di credito”.
La piattaforma del Caaf Cgil, alla quale possono iscriversi gratuitamente tutti gli utenti che intendono realizzare i lavori, coinvolge tutti gli attori: architetti, ingegneri, periti, geometri, imprese edilizie, artigiani ed esercenti del settore, tecnici abilitati. L’iscrizione è aperta anche ai professionisti o alle imprese di fiducia, usufruendo così dei servizi offerti e della possibilità di essere scelto da altri committenti.

Condividi!

Tagged