Banca Generali, Sud Motori supera lockdown con #Italianonsiferma

News Italpress

Banca Generali, Sud Motori supera lockdown con #Italianonsiferma MILANO (ITALPRESS) – Ci sono storie che dimostrano come molte aziende vitali prima del Covid possono esserlo anche ora e, nonostante la pandemia, possono guardare al futuro con serenitĂ . Come quella di SudMotori che con #Italianonsiferma ha ottenuto a marzo un finanziamento da 500 mila euro. Questo attraverso Banca Generali, che con l'azienda fintech Credimi nei mesi scorsi ha messo a disposizione delle pmi una serie di prestiti con l'obiettivo di portare il risparmio privato della clientela a supporto dell'economia reale, qui rappresentata da Sud Motori. L'azienda è una pmi salernitana fondata nel 1996 e rappresenta un'eccellenza nel campo delle rettifiche motori con una linea di produzione completa: dalla fase iniziale di smontaggio, pulizia e preparazione delle varie componenti sino alla fase finale dell'assemblaggio e dei test specifici di funzionamento e stoccaggio. Il tutto per clienti di primo piano dei trasporti regionali e nazionali, Ferrovie dello Stato in testa. Una realtĂ  che rischiava, però, di dover arrestare la sua crescita in seguito all'emergenza coronavirus. Michele De Stefano, business developer dell'azienda racconta: "Appena ci sono state le prime chiusure abbiamo subito utilizzato gli strumenti messi in campo dal governo, ma il nostro business si basa su commesse a breve termine e quindi nell'arco di pochi giorni abbiamo avuto bisogno di liquiditĂ . Abbiamo avuto bisogno di reperire un finanziamento pari a oltre mezzo milione di euro, e se non fosse stato per Italianonsiferma, non avremmo saputo far fronte a questa improvvisa frenata". Con #Italianonsiferma nei mesi scorsi non solo Sud Motori, ma centinaia di pmi hanno avuto nel complesso accesso a 100 milioni di euro di liquiditĂ  sotto forma di finanziamenti a 5 anni garantiti dal Fondo di Garanzia dello Stato (al 90%), con Generali, capogruppo della Banca Private, che ha sottoscritto una quota del 10% (10 milioni) dell'emissione. Un'operazione fonte di doppia soddisfazione anche da parte di Banca Generali, tanto che il vicedirettore generale, Andrea Ragaini, commenta: "In questi mesi ci siamo trovati davanti a storie come questa che ci rendono orgogliosi per due motivi. Da una parte, infatti, abbiamo verificato che Italianonsiferma ha contribuito a far ripartire aziende e imprese importanti per il territorio. Dall'altra cerchiamo di offrire un servizio di qualitĂ  per la protezione dei risparmi ai nostri clienti, guardando a soluzioni decorrelate dai rischi di volatilitĂ  come queste tipologie di investimento nel credito privato". (ITALPRESS). sat/com 16-Ott-20 11:52

Condividi!