Coronavirus, Governo pensa a ristori anche per attività non chiuse

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Nelle prossime settimane andrà fatto un passo in più: ci sono attività non chiuse, ma che stanno subendo cali importanti. Per loro immaginiamo una misura che possa dare ristoro. Per i commercianti, ad esempio, cerchiamo di costruire una misura specifica perché in queste ore stiamo vedendo quello che succede. Aver scelto di differenziare aperture e chiusure ci obbliga a pensare a soluzioni nuove passo dopo passo". Lo ha detto Castelli, viceministro dell'Economia e delle finanze, a Radio 24 nella trasmissione "Il Caffè della domenica". "Con il Decreto Ristori, che si aggiunge al precedente, abbiamo coperto tutte le categorie costrette a chiudere con le differenze tra zone rosse, arancioni e gialle. Abbiamo fatto questo lavoro dividendo per codici Ateco e abbiamo dato il doppio di quello che avevano preso durante il lockdown", ha concluso Castelli. (ITALPRESS). spf/sat/red 08-Nov-20 11:03

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Biden “Vittoria chiara, ora gli Usa si uniscano per guarire le ferite”

Articolo successivo

Gentile “La Salute è iportante ma il Covid non fermi il basket”

0  0,00