Cambio al vertice di Edizione, Laghi sarà presidente

2 minuti di lettura

TREVISO (ITALPRESS) – Enrico Laghi sarà nominato amministratore e presidente del CdA di Edizione "con il mandato di supportare il consiglio nella prosecuzione e consolidamento di un percorso di rinnovamento e rafforzamento della strategia sociale". Lo comunica Edizione srl in una nota in cui annuncia che, di "comune intesa", Gianni Mion "cessera' dalle cariche di amministratore e presidente della Società entro il corrente mese". A Laghi saranno attribuite "deleghe in materia di supervisione e coordinamento strategico: dei principali progetti e dossier della società, del processo funzionale al percorso di rinnovamento e rafforzamento della strategia sociale; dei rapporti fra la società e le sue controllate o collegate nonché dei rapporti esterni della società; delle relazioni istituzionali e della comunicazione esterna". "Si tratta – prosegue la nota – di una scelta di chiara matrice tecnica, a favore di un professionista con uno spiccato approccio istituzionale, che gode della piena fiducia di tutti i componenti della famiglia e del consiglio di amministrazione, anche funzionale alla futura individuazione di una figura manageriale che possa accompagnare la società in un cammino di lungo periodo. È previsto che la formalizzazione della carica avvenga ad opera dell'assemblea entro il 30 novembre". "Mion, al quale va un particolare ringraziamento per una lunga collaborazione iniziata nel 1986 e (salvo un'interruzione fra il 2016 e il 2019) proseguita fino ad oggi – conclude la nota – continuerà a supportare la Società favorendo il passaggio di consegne a Laghi e fornendo il proprio apporto in relazione a specifiche attività della Società di volta in volta concordate". (ITALPRESS). mgg/com 23-Nov-20 11:43

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Natale, braccio di ferro sul nuovo Dpcm. Misure allo studio e scontro nel governo

Articolo successivo

Stipa (Asal) “Allestitori fieristici dimenticati dal governo”

0  0,00