Redditi superiori a 50mila euro, da Enpab indennità 1.000 euro

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – È arrivata l'approvazione da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle delibere adottate da Enpab (Ente Nazionale Previdenza Assistenza Biologi) quali interventi assistenziali a favore degli iscritti in seguito alla pandemia da COVID-19. Il Cda e il Consiglio di Indirizzo Generale (CiG) avevano approvato nella seduta del 4 giugno la misura che prevede un'indennità una tantum di 1.000 euro erogata a favore degli iscritti che hanno dichiarato un reddito complessivo per l'anno 2018 superiore ai 50 mila euro e che per tale condizione erano stati esclusi dall'indennità COVID-19. Per ottenere tale indennità è richiesta l'attestazione con autocertificazione del danno subito alla professione corrispondente alla riduzione di almeno il 50% del reddito professionale prodotto nel periodo gennaio-aprile 2020 rispetto allo stesso quadrimestre dell'anno 2019. L'onere economico della spesa è stata stimata dall'Ente in 4.500.000,00 euro. L'indennità Enpab non è ripetibile e non è compensativa o sostitutiva di reddito. "Esiste ancora il pregiudizio verso i liberi professionisti con i redditi alti che hanno un'organizzazione più complessa del lavoro e un calo del reddito li disorienterebbe al pari dei redditi più bassi" ha commentato la Presidente di Enpab Tiziana Stallone. È stato inoltre approvato dal Ministero il riconoscimento dell'indennità di 1.000 euro a favore degli iscritti titolari di pensione che continuano a svolgere l'attività professionale. (ITALPRESS). mgg/com 24-Nov-20 13:09

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Chiuse iscrizioni Touchpoint Awards\\Strategy 2020, giurie al lavoro

Articolo successivo

Recovery Fund, ecco perché per rilanciare il Paese si punta sul digitale

0  0,00