prezzo viagra originale e quello generico farmacia roma levitra generico cialis nome antibiotico come fare con la pillola farmacia sedriano acquistare cialis pillola e antibiotici tabella interazioni prezzo antibiotico clavula cialis generico senza dogana farmaci antibiotici pdf glazidim antibiotico prezzo pirrolidina farmaco antivirale buy viagra online italy praga comprare cialis attualmente quanti farmaci tipo viagra sono in commercio priligy originale online online acquistare viagra senza carta credito dividere pastiglie levitra cialis generico 24 ore viagra ricetta medica italia assunzione viagra generico quanto costa cialis 10 mg farmacia cialis 5 mg vikalis in farmacia antibiotico dacortin in italiano chi ha acquistato il cialis online levitra prezzo in farmacia 2021 costo del chevig gum x disfunzione erettile tn farmacia latte italiano con antibiotici nuovo cialis generico farmaco antivirale puo alterre il psa levitra 5 mg acquisto on line online viagra paypal cialis 2 5 mg originale viagra generica romania cialis prezzo in farmacia italiana acquisto viagra paypal
/

Recovery Fund: la grande opportunità per la digitalizzazione del Paese

3 minuti di lettura

“Investire nelle piattaforme digitali abilitanti per la domanda di servizi in rete”

In una recente intervista, rilasciata ad un quotidiano nazionale, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiarito che nei progetti che saranno finanziati dal Recovery Fund <<la parte del leone la faranno il green ed il digitale. Molti progetti sono stati pensati per rafforzare il tessuto produttivo, con particolare riguardo alle medie e piccole imprese: ingenti risorse entreranno nel programma “transizione 4.0” che renderà le nostre imprese più digitali, più verdi, più innovative.>>

L’Italia sconta un grave gap sul digitale sia nei confronti dei Paesi del G20 sia rispetto agli altri Paesi dell’Unione Europea. Essere, oggi, competitivi nel digitale significa essere competitivi in ogni settore economico e sociale.

Nell’ultimo anno, tutti i paesi dell’UE hanno migliorato le proprie performance nel digitale. I Paesi scandinavi hanno ottenuto i punteggi più alti nel DESI 2020 e sono tra i leader mondiali nella digitalizzazione. L’Italia è tra i pochi altri paesi europei che sconta un notevole ritardo negli investimenti nel digitale che sta facendo perdere in modo significativo competitività alle proprie aziende.

Il Rapporto DESI – Integrazione della tecnologia digitale da parte delle imprese – ha evidenziato che la stragrande maggioranza delle PMI italiane non sfrutta le opportunità riservate dai servizi avanzati nel campo del digitale, con solo il 17% di loro che utilizza servizi cloud e solo il 12% analisi dei big data.

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 che sarà largamente finanziato con il Recovery Fund italiano prevede investimenti per circa 24 miliardi di euro e vedrà l’incentivazione degli investimenti privati nel campo tecnologico fra i suoi principali obiettivi.

È ormai di vitale importanza, per il futuro del nostro Paese, investire nelle piattaforme digitali abilitanti per la domanda di servizi in rete come la sanità, la scuola, la giustizia, il turismo, l’agricoltura, i pagamenti elettronici e avviare programmi di accelerazione per le competenze digitali, smart working, servizio pubblico d’identità digitale (SPID), digital security per la PA e le imprese.

Occorre rapidamente tracciare una roadmap tecnologica per pianificare il futuro del nostro Paese. Non è più pensabile tentare di rincorrere i progressi e le opportunità offerte dall’innovazione tecnologica e dal digitale in generale.

È necessario prevedere i futuri scenari, ed investire in tempo utile nella realizzazione delle infrastrutture tecnologiche e nella formazione del capitale umano. L’attuale situazione emergenziale, che ha messo ulteriormente in evidenza i punti deboli del sistema Italia, non ci consente di perdere altro tempo dietro a logiche campanilistiche e di bottega; il futuro dei nostri figli si gioca ora, e chi ha la responsabilità di guidare il nostro Paese, anche avvalendosi delle migliori risorse intellettuali in campo, deve avere il coraggio di portare avanti senza compromessi le proprie decisioni.

di Mauro Nicastri, Presidente AIDR

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

– 2. Mes e Decreti Sicurezza? Cade Conte? Ecco perché non accadrà nulla

Articolo successivo

Agricoltura motore di sostenibilità per il 90% degli italiani

0  0,00