/

Azzolina: il futuro della scuola sarà digitale, ma in classe

5 minuti di lettura

Evento online promosso dall’associazione Aidr. Nicastri: occasione unica di confronto con gli studenti

“Il futuro della scuola sarà sempre più legato alla digitalizzazione. Le nuove tecnologie rappresentano una opportunità di crescita per i nostri ragazzi, ma le attività devono essere svolte in classe. Le aule, sono e resteranno sempre luoghi deputati alla socializzazione, oltre che alla formazione degli alunni.” Così il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, rispondendo alle domande poste da una rappresentanza di studenti, durante l’evento online “Il digitale a scuola” promosso dall’associazione Aidr (link) e moderato dalla giornalista del Tg2 RAI Maria Antonietta Spadorcia.

“La scuola – ha spiegato la ministra – non era preparata gestire un’emergenza così grande, come quella legata al Coronavirus. Eppure nei primissimi mesi della pandemia, la didattica a distanza ha garantito agli studenti il prosieguo delle attività, pur tra numerose difficoltà e il gap che il nostro Paese paga in termini di digitalizzazione a scuola. Proprio per questo, il Governo ha stabilito una serie di investimenti importanti in ambito tecnologico: banda larga, PC, tablet garantendo al contempo una adeguata formazione del personale scolastico. Grazie al contributo dei nostri ragazzi e dei docenti, è stato possibile trasformare questo momento difficile in opportunità di crescita per tutto il sistema. La scuola post Covid – ha detto ancora la ministra rispondendo ad uno studente che le chiedeva come sarà il sistema appena terminata l’emergenza, comprenderà una didattica digitale in classe, i nostri studenti parlano questa lingua, non possiamo prescindere da questo aspetto.  All’interno del Recovery ci sarà un capitolo importante destinato alla scuola e alla digitalizzazione. L’augurio più grande che possiamo fare ai nostri ragazzi, ha concluso la ministra è che in futuro nelle aule il digitale possa rappresentare sempre di più un momento di crescita all’interno del loro percorso di formazione.  Eventi come quello promosso oggi dall’associazione Aidr testimoniano la grande opportunità offerta dalle nuove tecnologie nella costruzione di nuovi modelli di sviluppo.”  “La digitalizzazione, ha proseguito nel corso del suo intervento il presidente dell’associazione Aidr Mauro Nicastri, è stata una risposta reale e concreta durante la pandemia in tutti i settori, a cominciare proprio dalla scuola. La ministra – ha sostenuto ancora il presidente dell’associazione Italian Digital Revolution, ha parlato giustamente di opportunità unica offerta dalle tecnologie applicate al web, descrivendo lo scenario che si andrà sviluppando nei prossimi mesi. C’è una grande attenzione in questo momento in tutto il Paese, legata alle potenzialità della digitalizzazione. La nostra associazione, impegnata da anni nella promozione della cultura digitale, oggi saluta più che positivamente questa nuova consapevolezza. Il digitale porta con sé nuovi mezzi e nuovi modi, ma l’uomo deve sempre restare al centro del progetto. Proprio per questo ha concluso Nicastri, oggi abbiamo voluto promuovere un momento di discussione con le istituzioni, coinvolgendo direttamente gli studenti, che hanno un ruolo attivo nella scuola. Ringraziamo la ministra Azzolina per la straordinaria disponibilità con cui ha accettato l’invito della nostra associazione e lo spirito con il quale ha aderito alla nostra iniziativa. I ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia, hanno posto alla Ministra delle questioni di straordinaria attualità. Nei loro interventi c’è la testimonianza del momento storico che stiamo vivendo, ma anche la voglia di guardare al futuro con ottimismo, grazie anche alle opportunità legate alla digitalizzazione.”

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Zampa “Sarà un Natale diverso, stato di salute del Paese è precario”

Articolo successivo

Formazione digitale, accordo tra Business International e Uninettuno

0  0,00