“Movement that inspires”, Kia svela la sua futura strategia

5 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Kia si allontana dal modello di business basato esclusivamente sulla produzione tradizionale, cambiando anche il nome. Rimuovendo la parola "Motors" (fino a ieri era "Kia Motors Corporation"), Kia si espanderà in aree di business inedite ed emergenti, ideando e fornendo prodotti e servizi di mobilità innovativi. La società, durante l'evento di presentazione digitale del nuovo logo, è entrata nel merito della strategia che la porterà ad evolversi dal ruolo di tradizionale car maker verso la sua nuova missione di ideatore e fornitore di nuove soluzioni di mobilità sostenibile, supportata anche dal nuovo slogan del marchio "Movement that inspires". "In Kia crediamo che il trasporto, la mobilità e il movimento siano un diritto umano. La nostra visione è creare soluzioni di mobilità sostenibile per i consumatori, la comunità e la società a livello globale. Oggi iniziamo a mettere in atto questa visione con il lancio del nostro nuovo brand e della nuova strategia per il futuro", ha detto Ho Sung Song, Presidente e CEO di Kia Corporation. Artur Martins, Senior Vice President, Head of Global Brand & Customer Experience di Kia, ha spiegato: "Il movimento è sempre stato al centro dell'attenzione del nostro marchio e la mobilità delle persone al centro della nostra attività. Il movimento aiuta l'umanità a progredire, migliorare e ad evolversi costantemente. Ecco perché in Kia crediamo che il movimento ispiri anche la genesi delle idee". Con la nuova missione Kia vuole soddisfare le mutate aspettative dei clienti sulla mobilità e sulle conseguenze che genera sull'ambiente che li circonda. I consumatori sono sempre più alla ricerca di forme di trasporto flessibili, rispettose dell'ambiente e integrate. La nuova strategia del marchio Kia vuole rispondere – e dare forma – a queste mutevoli aspettative, sviluppando una gamma di prodotti e di servizi finalizzati a rispondere alle esigenze dei clienti sui mercati di tutto il mondo. Si avrà accesso a una gamma sempre più ampia di prodotti e servizi di mobilità rispettosi dell'ambiente, per soddisfare la crescente domanda di nuove soluzioni di mobilità da parte dei clienti di tutto il mondo, personalizzabili e calibrate sulle esigenze individuali, sfruttando la trasmissione dei dati e le nuove tecnologie. Kia è fortemente impegnata nella diffusione dei veicoli elettrici a batteria (BEV) e prevede di rafforzare la sua gamma di prodotti con l'introduzione di sette nuovi BEV specifici entro il 2027. Kia sta inoltre sviluppando una gamma di nuovi veicoli commerciali (Purpose-Built Vehicles). Il cambiamento nella ragione sociale dell'azienda significa anche trasformare la cultura lavorativa dell'organizzazione. Il presidente Song spiega: "Cambiare il nome e il logo della nostra azienda non è solo un miglioramento formale. Rappresenta la nostra volontà di espandere i nostri orizzonti e intraprendere attività nuove ed emergenti in grado di soddisfare e andare incontro alle diverse esigenze dei nostri clienti in tutto il mondo. Ancora più importante, significa anche adattare la nostra cultura lavorativa, valorizzare la creatività di tutti i nostri dipendenti e creare un ambiente di lavoro stimolante". Un altro obiettivo strategico del programma Plan S è l'impegno di Kia nel diversificare la propria attività per offrire servizi di mobilità eco-compatibili, incentrati sulla guida elettrica e autonoma nelle principali città del mondo. Karim Habib, Senior Vice President, Head of Kia Global Design Center, spiega: "Vogliamo che i nostri prodotti offrano un'esperienza istintiva e naturale che possa migliorare la vita quotidiana dei nostri clienti e anche ispirarli. Il nostro obiettivo è comunicare concretamente i valori espressi dal nostro marchio attraverso la realizzazione di veicoli elettrici originali, accattivanti ed entusiasmanti sulla base di una struttura semplice denominata 'EV'. Le idee dei nostri designer e la mission del marchio sono più connessi che mai". (ITALPRESS). sat/com 15-Gen-21 09:41

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Crisi. “Amaro 18”, tra rottamatori, responsabili, soccorritori, traditori

Articolo successivo

Caccia ai responsabili in Senato: ecco i potenziali salvatori di Conte

0  0,00