Fumata nera sui diritti tv, Lega di A passa alle trattative private

News Italpress

MILANO (ITALPRESS) – La cifra di 1,15 miliardi per la cessione dei diritti televisivi della Serie A 2021-24 è ancora lontana, ma non impossibile. La prima tornata si è conclusa come previsto, nessuno è arrivato a offrire tanto, cosa che comporterà il passaggio alle trattative private. Appuntamento il prossimo 5 febbraio in un hotel milanese, dove la commissione composta da Lotito, De Laurentiis e Ferrero e dagli avvocati di Inter e Udinese Cappellini e Campoccia tratterà direttamente con i broadcaster, buste che saranno poi aperte nell'assemblea del giorno 8. "La cifra che abbiamo indicato è quella massima, che non si è mai raggiunta nelle aste dei 15 anni precedenti – ha spiegato l'amministratore delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo – Che oggi fossero offerte più basse era scontato, ma saranno migliorate sensibilmente nelle trattative private". Nessun colpo di scena (compresa la mancata offerta da parte di Amazon), ma una fase di obbligato passaggio nel contesto di una trattativa importante per tutto il calcio italiano, che secondo quanto auspicato da via Rosellini vuole massimizzare il guadagno per il triennio 21-24: "Non è accaduto nulla che non avessimo previsto – ha spiegato De Siervo -. Sapevamo che Amazon voleva un pacchetto sul modello del campionato inglese, che però avrebbe stravolto la nostra strategia. Non abbiamo voluto modificare il nostro approccio al mercato, perché non si possono stravolgere le modalità cui i nostri spettatori sono abituati, e la politica di Amazon è quella di un progetto che pone al centro più il marketing che il prodotto. Dazn? È diventato in alcuni mercati la piattaforma dominante, vuole sostituirsi nel ruolo avuto da Sky, che però ha i mezzi per raggiungere e superare un'offerta comunque alta". Resta salva l'ipotesi della creazione di un canale della Lega Calcio, che a sua volta potrebbe offrire il prodotto sulle piattaforme Ott: "Sarebbe un canale light – ha spiegato De Siervo -, se lo facessimo potremmo proporre a Tim, Amazon, Vodafone e Dazn il canale Ott con sette partite senza dover fare ulteriori abbonamenti". (ITALPRESS). bf/glb/red 28-Gen-21 19:28

Condividi!