Aborto Pro Vita & Famiglia: «A Verona libertà delle donne significa vagine a forma di blatta sulla mia faccia».

4 minuti di lettura

Divampa la polemica a Verona per i manifesti choc contro l’aborto dell’Associazione Pro Vita e Famiglia onlus puntualmente imbrattati dalle femministe.

Si vede una giovane donna che indica con la mano la scritta al suo fianco, la quale recita: “Mamma, chi sceglie la vita vince sempre. L’aborto è una sconfitta!”. Ovviamente, come era prevedibile, l’iniziativa ha scatenato le reazioni delle associazioni pro-aborto e anche i media non hanno mancato di intervenire sulla questione dando spazio e voce unicamente alle femministe, pronte ad impedire da sempre qualsiasi occasione di dibattito che possa avere ad oggetto una revisione della legge 194. Inoltre i manifesti sono stati imbrattati, e le femministe di Non Una di Meno sui social hanno esaltato il gesto. Non solo, a farne le spese è stata Maria Rachele Ruiu, rappresentante veronese dell’Associazione che ha dato il volto all’iniziativa, che ha subito una vera e propria “azione di bullismo”

Da qui la replica di Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus che attacca:

“Sta accadendo che il successo della nostra campagna #stopaborto contro la pillola abortiva Ru486 stia scatenanando rabbia, odio e violenze contro di noi. Parliamo a ragion veduta di successo, perchè proprio ieri anche l’Abruzzo ha inviato una circolare che è una forte raccomandazione alle Asl regionali, affinché l’interruzione farmacologica di gravidanza con utilizzo della pillola RU486 (mefipristone e prostaglandine) sia effettuata preferibilmente in ambito ospedaliero e non presso i consultori familiari, rigettando quindi le assurde direttive della circolare del Ministro Speranza. E siccome queste sono le vere conquiste per le donne ma vengono ostacolate dai mass media e dalle voci progressiste e femministe, a Verona offendevano e bullizzavano la nostra Maria Rachele Ruiu, non avendo altri argomenti su cui dibattere evidentemente”.

E proprio Maria Rachele Ruiu, membro del direttivo di Pro Vita e Famiglia, ha denunciato quanto accaduto in queste ore:

“E successo che ieri – ha dichiarato  – Repubblica (e poi anche il Corriere) abbia deciso di pubblicare una foto del nostro manifesto imbrattato da #NonUnaDiMeno, dando solo a loro la parola e permettendo, di fatto, un vero e proprio shit storm sulla mia persona. E’ forse questo l’agire che suggeriscono quando parlano di libertà delle donne? E io cosa sono? Stessa domanda rivolgo ai deputati Pd, che nella loro pagina, hanno pubblicato un manifesto ‘rivisto e corretto’. E’ stato usato il mio volto per sponsorizzare un messaggio che non solo non condivido, ma combatto. E questa non è violenza? Teoricamente avrebbero dovuto difendermi dalle ingiurie e dal bullismo che ho ricevuto, visto che si battono per questo. A prescindere da tutto, le donne si meritano più dell’aborto e io mi batterò sempre per questo. Il fatto che i manifesti siano stati accolti così come sono stati accolti, mi confermano che oggi, nel 2021 non si può parlare di aborto, se non come dogma”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Digital  Excess, governare l’uso eccessivo della tecnologia digitale

Articolo successivo

Draghi, parla Pagano (FI): “Basta dilettantismo. Ora riforme per scuola, fisco e giustizia”

0  0,00