Canzone sottona: Stop motion e un omaggio al fantasmagorico mondo dei Lego, il nuovo singolo dei Pan Island

In Rilievo Musica

Stop motion e un omaggio al fantasmagorico mondo dei Lego: il nuovo singolo dei Pan Island

Un romantico, ironico e fantasioso omaggio al colorato e creativo mondo dei Lego a ritmo di stop motion per raccontare l’umiliazione di un amore non corrisposto. Questa in due parole la sceneggiatura di Canzone sottona (disponibile su tutti i digital stores), l’ultimo singolo a firma Pan Island che va a proseguire il viaggio musicale del loro nuovo progetto, Parcogiochi: lui è un giovane nerd innamorato della ragazza bellissima che non lo amerà mai, quella che ama un altro, bello muscoloso e prestante ma soprattutto un po’ vuoto e molto coatto, come deve essere per i presunti vincenti di ogni società che comanda.
Nel 2021 l’amore romantico è morto con uno swipe-left su tinder, e allora torniamo a tanti anni fa, quando giocavi coi lego e le letterine d’amore recitavano “ti vuoi mettere con me?”.
Il brano sarà disponibile, con tutta la sua carica di anticonvenzionalità, a partire dalla più convenzionale delle feste, San Valentino: “Chi ci conosce, ammette Andrea Introna, sa bene che ci piace provocare…”.

Su un’idea artistica sempre di Andrea Introna, Pan Island gioca questa volta con un sound pop-rock, disegnando una canzone ariosa e solare, pur dietro la cruda ironia alla quale la band pugliese non rinuncia.

La musica e il gioco proseguono, come per le tracce di Monkey Loop e MusicH, sulla App, scaricabile gratuitamente, dove, oltre ad ascoltare il brano mentre si gioca, è possibile scegliere come player del gioco i vari componenti della band. Ne ricordiamo i nomi: alla batteria Giovanni Bruni, al basso Valerio di Ceglie, alle chitarre Edoardo Papagni, alle tastiere Marco Merra.

Condividi!

Tagged
Vittorio Zenardi
Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.