Pil -4,7% a marzo con le nuove restrizioni anti-Covid

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "L'economia italiana si trova a rivivere oggi una situazione di menomazione produttiva simile per molti aspetti a quella di marzo e aprile dello scorso anno. I vincoli alla mobilità, le chiusure degli esercizi commerciali e dei luoghi di scambio sociale, seppure relativamente meno stringenti e più articolate sul territorio rispetto a quelle di un anno fa, sortiranno effetti molto problematici in quanto si innestano in un sistema economico già fortemente compromesso". Lo evidenzia Confcommercio nel rapporto Congiuntura. "A questo punto, è in discussione anche una previsione di crescita del PIL attorno al 4% per l'anno in corso. Si ampliano i divari tra settori – spiega l'associazione di categoria -: gran parte dei servizi di mercato si trovano ormai da un anno nell'impossibilità di operare mentre almeno alcuni settori dell'industria stanno recuperando le perdite registrate nei peggiori momenti dello scorso anno". "Inciampi nell'implementazione del piano vaccinale e un eventuale allontanarsi dell'inizio della fase di ripresa potrebbero, tuttavia, depotenziare questa molla, in ragione di un peggioramento delle attese di famiglie e imprese sulle prospettive e sull'intensità della futura ripresa – prosegue Confcommercio -. Quest'ultima dovrebbe registrare, in seguito alle nuove limitazioni, un brusco stop nel mese di marzo per il quale si stima una riduzione del PIL del 4,7% in termini congiunturali". Su base annua, il confronto con il mese iniziale della crisi porta, comunque, a una crescita del 7,3%. Nel complesso del primo trimestre la variazione dovrebbe attestarsi al -1,5% rispetto all'ultimo quarto del 2020 e al -2,6% rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno. (ITALPRESS). sat/com 17-Mar-21 10:01

Italpress

Agenzia di Stampa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sinistra isterica. Dallo ius soli al Ddl Zan. L’ossessione dell’asse Salvini-Draghi

Articolo successivo

Finisce il sogno di Luna Rossa, Coppa America a New Zealand

0  0,00