Sindacati a Draghi “Dai vaccini al Dl Sostegni, subito un confronto”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "È il momento della responsabilità, dell'unità e dell'impegno comune per assumere le decisioni necessarie per rafforzare la coesione sociale nel nostro Paese e investire sul mondo del lavoro". Ad affermarlo, in una nota, i segretari di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri che hanno chiesto al presidente del Consiglio, Mario Draghi un incontro per "avviare da subito un confronto di merito". Secondo i leader dei sindacati "serve un piano di vaccinazioni nazionale condiviso gestito dal servizio pubblico. Non è il momento delle differenziazioni regionali o aziendali. Abbiamo chiesto ai ministri della Salute e del Lavoro di convocare rapidamente il tavolo tecnico per aggiornare il protocollo alla Sicurezza nei luoghi di lavoro comprensivo di un piano per le vaccinazioni". Inoltre, "serve confermare nel Decreto Sostegni le risorse necessarie per proteggere tutte le forme di lavoro e prorogare il blocco dei licenziamenti finché non siamo fuori dalla fase di emergenza pandemica e di avviare la riforma degli ammortizzatori sociali". Per Landini, Sbarra e Bombardieri "è il momento di combattere l'evasione fiscale anche con le tecnologie digitali e di avviare la riforma fiscale. Non di mascherati condoni fiscali", ed è anche "il momento di avviare un vero confronto sui progetti che costituiscono il PNRR da portare in Europa per disegnare ed avanzare un nuovo modello di sviluppo sostenibile e digitale e creare buona e stabile occupazione per giovani donne e nel Mezzogiorno". "È il momento – concludono – della scelta e degli investimenti in politiche industriali a partire dalla gestione delle vertenze aperte da anni al MISE". (ITALPRESS). fsc/com 17-Mar-21 14:12

Italpress

Agenzia di Stampa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg News – 17/3/2021

Articolo successivo

Un italiano su due chiede a Draghi discontinuità con il passato

0  0,00