A gennaio bene import ed export, ma in calo su base annua

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – A gennaio, dopo il calo di dicembre, l'export registra un nuovo rialzo congiunturale, sostenuto soprattutto dall'area Ue e spiegato per oltre due terzi dall'aumento delle vendite di beni intermedi. Su base annua – osserva l'Istat -, l'export torna a registrare una flessione ampia, cui contribuisce in particolare la contrazione delle vendite di beni strumentali e beni di consumo non durevoli. La flessione è molto marcata verso Stati Uniti e Regno Unito; l'export verso la Cina è, invece, in forte crescita. L'import segna un aumento congiunturale più contenuto mentre si accentua la flessione su base annua, per effetto soprattutto della forte riduzione degli acquisti di energia e beni di consumo non durevoli. Per i prezzi all'import, l'aumento su base mensile è dovuto alle dinamiche positive di energia e beni intermedi in entrambe le aree, euro e non euro, e di beni strumentali nell'area euro. A gennaio l'Istat stima che il saldo commerciale risulti positivo per 1.587 milioni, con un aumento di 1.053 milioni rispetto a gennaio dello scorso anno. Al netto dei prodotti energetici il saldo e' pari a +3.914 milioni di euro (era +4.054 milioni a gennaio 2020). (ITALPRESS). ads/com 18-Mar-21 10:31

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Coronavirus, Fico “Agire come comunità coesa e rafforzare il Ssn”

Articolo successivo

Engie, gli studenti “lasciano il segno” per città più sostenibili

0  0,00