viagra generico informazioni levitra 10 mg generico ricetta cialis 5 mg da stampare cialis gel online antidepressivo pillola gentalyn crema antibiotica prezzo levitra generico pillole gialle antibiotico otite senza ricetta prezzo cialis vendita farmaco equivalente al cialis 20 mg cialis forum acquisto per comprare il viagra in farmacia ci vuole la ricetta levitra costo effetti tutti i nomi dei farmaci antidepressivi viagra cialda e altri farmaci simili viagra senza ricetta on line cialis super active in farmacia pillola e antibiotici tabella interazioni augmentin antibiotico generico prezzo buy cialis pills online viagra generico recensioni associazione farmaci antidepressivi le persone ha detto prende il cialis è perocoloso cialis comprese 5m come prenderli farmaci antidepressivi per la bulimi conviene acquitare il cialis generico pastiglie antidepressivi senza ricetta antibiotico senza ricetta per ferite yahooo viagra acquisto legalmente on line esiste il generico del levitra in farmacia lasix compresse confezioni pillole cialis 5mg mania farmaci antidepressivi costo levitra 20 mg in farmacia nuovi farmaci presto in commercio per la disfunzione erettile

Meloni “Sui vaccini c’è confusione, dall’Ue incapacità e lentezza”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Mi pare che ci sia molta confusione, intanto sulle priorità. Quando leggo che più di metà degli over 80 non ha ricevuto il vaccino vuol dire che c'è qualcosa che non va". Lo ha detto a "Live-Non è la D'Urso", su Canale 5, il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, in merito alla campagna vaccinale. "Si doveva partire dai più anziani e dai più fragili, invece si è proceduto con altri criteri. Leggo che è stato vaccinato Andrea Scanzi, giornalista di 46 anni…", ha spiegato Meloni, che ha aggiunto: "Si doveva spingere anche sulla vaccinazione domiciliare per gli anziani". Il leader di Fdi ha parlato anche dell'Unione Europea: "Se esiste e chiede quello che chiede, su alcune cose dovrebbe mostrarsi utile. Quello dei vaccini era uno di questi temi, ma purtroppo abbiamo visto lentezza, incapacità e la vergogna di contratti segreti con le case farmaceutiche in cui l'impegno che prendevano era fare il 'loro meglio'. L'Unione Europea si è mostrata incapace nel migliore dei casi e nel peggiore sottomessa alle case farmaceutiche". "É stata la più grande sconfitta dell'Europa dai trattati del '57", ha aggiunto. E sul fronte delle norme anti-Covid "servono cose sensate. Tutti siamo disposti a fare sacrifici, ma mi devono spiegare perché chiudiamo ristoranti e palestre, ma poi i mezzi pubblici sono stipati di gente", ha spiegato Meloni, per la quale "se il distanziamento è uno strumento non si può dire che i mezzi pubblici non sono veicoli di contagio", ha aggiunto. Per il presidente di Fdi "sono state prese decisioni facili, ma non è detto che siano state la scelta giusta. Dopo un anno siamo ancora al lockdown, vuol dire che le cose non sono andate come speravamo". ITALPRESS). sat/red 21-Mar-21 21:56

Italpress

Agenzia di Stampa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Milan in rimonta a Firenze: battuti i viola 3-2

Articolo successivo

Doppio Mertens, il Napoli vince 2-0 contro la Roma

0  0,00