/BÙ•IO/ racconti tra fantascienza e horror firmati dagli esordienti under 25 di Gruppo2020

3 minuti di lettura

Il programma gruppo2020 – progetto multiforme del Teatro di Roma nato nel primo ciclo di Radio India a cura di Industria Indipendente e lacasadargilla – diventa oggetto editoriale in carta e inchiostro, riunendo le voci degli autori e delle autrici che vi hanno preso parte.

Una pubblicazione in otto racconti firmati da altrettanti autori esordienti under 25 per intercettare un mondo alieno e irriconoscibile, come quello offerto dal primo lockdown, in chiave horror/science fiction, che oggi sbarca su cartaceo con un inserto dal titolo /BÙ•IO/ in distribuzione insieme al mensile di Scomodo nelle librerie indipendenti, i caffè letterari, le biblioteche, i Punti Scomodi, le scuole e le università di 7 città italiane – Roma, Torino, Milano, Napoli, Trento, Bologna, Firenze.

Tremilacinquecento copie con 72 pagine di terrore e fantascienza, accompagnate dalle illustrazioni di Luchadora, sulle quali planare con la fantasia lasciandosi catturare dal ritmo e dal fascino delle storie a firma degli otto giovanissimi esordienti: La misconoscenza di Camilla Mion, Il sogno di Clara di Giulia Marianello, Riaffiorare di Giulia Muraglia, Morgan Hill di B. Della Guerra, L’ ultimo volo dell’estate di DEM Ruspino, Vittorio di Giulia Fossati, Il mistero della porta accanto di Eleonora Varriale; I Collodi di Marco Scannicchio.

gruppo2020 è un progetto curato da Industria Indipendente, compagnia residente di Oceano Indiano, e da lacasadargilla, che nella primavera 2020, in pieno lockdown, prende avvio all’interno del palinsesto radiofonico quotidiano di Oceano Indiano in forma di call pubblica, rivolta a ragazze/i, invitati a condividere i propri racconti di fantascienza e horror, che sarebbero poi divenuti podcast in onda sulle frequenze di Radio India, per essere in seguito interpretati da attrici e attori professionisti in un format video per il palinsesto digitale di #TdRonline, arricchendo la fruizione uditiva con quella visiva. Dopo queste prime esperienze in forma virtuale, gruppo2020 si è fatto luogo d’incontro, diventando un cantiere di scrittura collettiva, intrecciandosi con il resto dei progetti partecipativi che stanno caratterizzando l’attività del Teatro di Roma. Un processo lungo e articolato, in cui questo oggetto collettivo continua a mutare e trasformarsi fino a prendere una nuova vita, oggi, diventando una pubblicazione distribuita con il mensile grazie alla felice collaborazione con Scomodo, che accompagna il progetto sin dagli inizi.

La pubblicazione non solo riconferma l’attenzione del Teatro di Roma nei confronti degli under 25, ma rinsalda l’obiettivo strategico e condiviso con Scomodo nel consolidare il legame tra la cultura e la città che la ospita, rimettendo l’arte e il teatro in tutte le sue espressioni al centro di un nuovo dialogo cittadino, e di rendersi collante fra giovani, centri sociali ed enti istituzionali per la promozione culturale sul territorio, romano e nazionale.

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, accordo con parti sociali su sicurezza e vaccini in azienda

Articolo successivo

Il pallone racconta – Recuperi decisivi

0  0,00