Vaccino AstraZeneca, “uso preferenziale” per gli over 60

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "In queste ultime ore i comitati di farmaco-vigilanza e dei vaccini, di Ema e Aifa, hanno valutato nuovi dati per quel che riguarda lo sviluppo di fenomeni trombotici a carico dei seni venosi celebrali, la valutazione fatta dal comitato dell'Ema, e' che il nesso di causalita', non dimostrato definitivamente, e' stato rilevato come plausibile, lo sviluppo di queste complicanze non e' definitivamente chiarito, ci sono ipotesi di reazioni ma il verificarsi di questi fenomeni, che sono molto rari". Lo ha detto il presidente del Css, Franco Locatelli, nel corso della conferenza stampa sulle valutazioni dell'Ema in relazione al vaccino AstraZeneca. "La maggior parte di questi eventi si sono osservati in soggetti di sesso femminile, sotto i 60 anni di eta', anche se l'Ema ha dichiarato che non ci sono fattori di rischio evidenziati – ha aggiunto -. Il numero di dosi somministrate come seconda dose e' troppo limitato per trarre delle conclusioni definitive". Locatelli ha ricordato che "il vaccino e' approvato oltre i 18 anni di eta'. C'e' l'obiettivo di arrivare ad una condizione condivisa tra i paesi europei". "La posizione decisa dal ministro della Salute e' stata quella di raccomandare un uso preferenziale del vaccino Astrazeneca nei soggetti oltre i 60 anni di eta'", ha sottolineato Locatelli. "Al momento non ci sono gli elementi per non considerare la somministrazione della seconda dose per coloro che hanno gia' ricevuto la prima", ha proseguito. "Nei giorni scorsi Aifa ha lavorato nelle commissioni di Ema per valutare questi eventi trombotici molto rari, e l'analisi dei dati, anche quelli inglesi, ha confermato una plausibile relazione causale tra questi rarissimi eventi, nella giovane eta', questo ha generato un segnale di allarme che ha portato ad indentificarlo come effetto indesiderabile del vaccino", ha detto il direttore generale dell'Aifa, Nicola Magrini. "I piani vaccinali devono essere flessibili, aumentano le conoscenze e dobbiamo adattare l'uso dei vaccini, anche in base al decorso dell'epidemia stessa, soprattutto con un virus nuovo", ha spiegato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute. (ITALPRESS). ror/sat/red 07-Apr-21 21:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pirlo “Ho sbagliato tanto, ma rifarei tutto”

Articolo successivo

Pesi: Europei. Pizzolato oro negli 81 kg, Durante argento nei 71 kg

0  0,00