Donazione di organi, intesa CRT Sicilia-Fondazione Giglio Cefalu’

4 minuti di lettura

PALERMO (ITALPRESS) – In occasione della XXIV Giornata Nazionale della donazione di organi e tessuti che si celebra domenica prossima, 11 aprile, all'insegna dello slogan "Donare e' una scelta naturale", il CRT Sicilia e la Fondazione Giglio di Cefalu' hanno siglato un protocollo d'intesa per la promozione della cultura della donazione di organi. "La Fondazione Giglio – dice Giovanni Albano, presidente della Fondazione Giglio – vuole essere parte attiva in una campagna di sensibilizzazione della popolazione alla donazione degli organi. Donare significa far rinascere una nuova vita. Il trasferimento di informazioni e conoscenze sulle donazione puo' essere pertanto decisivo nella scelta del cittadino. Il protocollo che abbiamo deciso di sottoscrivere con il CRT va in questa direzione, con la promozione delle campagne di sensibilizzazione alla donazione anche nei nostri canali". In un anno difficile, in cui la pandemia ha messo sotto pressione il sistema sanitario, e in primo luogo le terapie intensive, riducendo i prelievi di organi e di conseguenza i trapianti, e' sempre piu' importante il consenso dei cittadini alla donazione. "Rivolgo un sentito ringraziamento al presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano – dichiara Giorgio Battaglia, coordinatore regionale del CRT Sicilia – per la disponibilita' e la sensibilita' mostrate nella sottoscrizione dell'accordo che ha come finalita' la sensibilizzazione degli operatori sanitari e dei cittadini. Le istituzioni tutte devono sentire la responsabilita' di promuovere la cultura della donazione e in primo luogo le strutture della sanita', dove ogni giorno si praticano atti finalizzati alla risoluzione di problemi di salute". Dal 1 gennaio alla data di oggi i donatori segnalati dalle rianimazioni siciliane sono stati 38, 13 i donatori effettivi e 16 le opposizioni (42%). Le rianimazioni con il maggior numero di segnalazioni di potenziali donatori sono l'ARNAS Civico di Palermo e il Policlinico di Messina, mentre i trapianti eseguiti nei tre centri trapianto siciliani – ISMETT, ARNAS Civico e Policlinico di Catania – sono stati complessivamente 40. Per ogni "no" registrato si calcolano circa 2.5 mancati trapianti, un dato preoccupante per i circa 730 pazienti siciliani in lista d'attesa. Quanto alle dichiarazioni di volonta' registrate nei comuni al rinnovo o rilascio della carta d'identita', alla data di oggi sono complessivamente 556.791, di cui 323.586 (58,1%) di consenso e 233.205 (41,9%) di opposizione. Battaglia continua: "In questo anno di pandemia, in cui il sistema trapianti ha comunque retto bene, l'impegno dei sanitari e' stato immenso, ma non e' sufficiente. Serve anche l'impegno di tutti i cittadini. Attraverso l'informazione dobbiamo vincere le paure e i pregiudizi di coloro che si oppongono. E la Giornata Nazionale che celebriamo domenica prossima e' finalizzata a informare e a far capire che con la donazione possiamo trasformare un letto di morte in un letto di vita". Per la Giornata Nazionale, in Sicilia sono scesi in campo anche i coordinatori locali ( i responsabili, a livello ospedaliero, del complesso processo di donazione), che attraverso brevi videomessaggi, diffusi sui canali social del CRT, invitano i cittadini a esprimersi sulla donazione di organi. Ma queste sono solo alcune delle iniziative predisposte dal Centro Regionale Trapianti che, insieme all'ISMETT, ha pianificato per tutto il mese di aprile ulteriori attivita' per sensibilizzare l'opinione pubblica. (ITALPRESS). fsc/com 09-Apr-21 09:21

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Voto-Roma. L’effetto-Draghi sui partiti e sui nomi noti e ignoti dei partiti

Articolo successivo

Domenicali “Piloti cuore dello show, griglia mai così competitiva”

0  0,00