Philadelphia e Milwaukee ko, 20 punti Gallinari e Atlanta va

3 minuti di lettura

Solo panchina per Mannion nella sconfitta di Golden State NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Philadelphia sbatte contro Zion Williamson. I Sixers falliscono la chance di agganciare Brooklyn in testa alla Eastern Conference, sconfitti 101-94 da New Orleans dove brilla la stella della prima scelta assoluta del draft 2019: 37 punti, di cui 14 nell'ultimo periodo, 15 rimbalzi e 8 assist. Mai in questa stagione Philadelphia aveva segnato così poco e anche Embiid, 59 punti nelle prime due gare disputate al rientro dall'infortunio, si ferma a 14 con 5/16 dal campo. Le tante assenze – su tutte quelle di Antetokounmpo, Holiday e Middleton – spiegano in parte il terzo ko di fila di Milwaukee, battuta 127-119 da una Charlotte che occupa oggi il quarto posto a Est, appena davanti ad Atlanta. Gli Hawks hanno la meglio per 120-108 su Chicago: 42 punti per Young e 22 punti e 10 rimbalzi per Capela, fra i Bulls miglior prestazione in carriera di LaVine (50 punti) e un Vucevic da 25+10. Ma nel successo di Atlanta c'è tanto anche di Danilo Gallinari: ancora una volta partito dalla panchina, il lungo di Sant'Angelo Lodigiano chiude con 20 punti (6/16 al tiro con 4/8 da tre e 4/4 dalla lunetta), sei rimbalzi, un assist, una palla persa e due recuperate in 30 minuti. Decisiva la sua tripla nell'ultimo minuto che ha permesso ai suoi l'allungo decisivo a 116-106, a chiusura di un break di 19-4. "Penso sia stato importante per tutti, a livello di fiducia, vincere una partita come questa nell'ultimo quarto – commenta il Gallo – La prossima volta che ci troveremo in una situazione simile, con un ultimo periodo punto a punto, sapremo cosa fare, quali tiri prendere, quali giocate fare". Successi all'overtime per Boston (145-136 su Minnesota, career high per Tatum con 53 punti) e New York (133-129 contro Denver), Indiana prevale su Orlando per 111-106 (20 punti di Holiday, 16 punti e 15 rimbalzi per il rientrante Sabonis). A Ovest, pur privi di George, i Clippers centrano il quarto successo consecutivo: 126-109 su Houston con 31 punti di Leonard e 26 di Jackson. Otto, invece, le vittorie di fila di Denver dove il solito Jokic mette il timbro nel 121-119 su San Antonio con una partita da 26 punti, 14 assist e 13 rimbalzi. Finale incredibile fra Washington e Golden State: Beal sigla sei punti negli ultimi 6"1 e regala ai Wizards il successo per 110-107. Per Westbrook arriva la 21esima tripla doppia stagionale (19+14+14), ai Warriors non basta un Curry da 32 punti, solo spettatore Nico Mannion. (ITALPRESS). glb/red 10-Apr-21 09:22

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Via libera dei medici, Marquez può tornare a correre

Articolo successivo

Rizzoli “Al Var bisogna andare sempre quando un episodio è dubbio”

0  0,00