Petrucci “Superlega? Interessa solo guadagno, non regole dello sport”

3 minuti di lettura

Il presidente Fip: "Realista e pessimista, noi ci siamo passati" ROMA (ITALPRESS) – "La nostra federazione ha cercato di non farla nascere, senza riuscirvi. Sono due i discorsi da fare: uno è se c'è l'accordo tra le federazioni, l'altro è se possono farlo". La Superlega come l'Eurolega nel basket: il presidente della Fip, Giovanni Petrucci, ricorda a Skysport24 come vent'anni fa nacque il torneo continentale dei canestri più prestigioso, con polemiche e problematiche che ricordano da vicino quelle che si stanno scatenando in queste ore contro lo 'strappo' verso l'Uefa dei grandi club. "Leggo tante dichiarazioni, ma bisogna solo capire se si può fare o meno – spiega il numero uno della Federbasket – Un conto sono le parole, un altro le regole. Sono realista-pessimista e anche rattristato: ci siamo passati, pur con la differenza tra basket e calcio. Loro non hanno interesse al rispetto delle regole dello sport, ma solo al guadagno, all'utile". "Anche io in passato ho fatto belle dichiarazioni e ho combattuto – aggiunge l'ex presidente del Coni – Sono preoccupato perché oltre alle dichiarazioni, bisognerebbe capire se federazioni e organi hanno il potere di bloccare questi club. Noi non ci siamo riusciti". Petrucci si attende una battaglia legale: "Da noi c'è stata, ci sono state semplici esibizioni di muscoli ma nessun risultato concreto. Ora l'Eurolega va avanti e le nostre squadre ci giocano con gioia. A parole sono tutti bravi a fermare Armani, la Segafredo non c'è entrata ma è sempre una grande azienda. Tutte queste dichiarazioni non mi scaldano: in realtà, i capi di governo dovrebbero portare avanti un'azione concreta di fronte all'Unione Europa". Ricordato che tante nazionali europee debbono molto all'Nba, Petrucci ammette però che l'Eurolega, a differenza di questa Superlega ancora in fieri, non ha trovato subito la contrarietà della maggior parte dei tifosi: "E' sempre stata seguita con grandi interesse, l'Armani quando gioca in casa fa 12.000 spettatori, è tutto esaurito. Qui c'è da vedere se le leggi europee te lo permettono o no – conclude Petrucci – L'Armani firmò per dieci anni e non potemmo fermarla". (ITALPRESS). mc/red 19-Apr-21 16:23

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Porro “A Gorla Minore lotteremo alla pari con tutti”

Articolo successivo

Tg Economia – 19/4/2021

0  0,00