Letta “Superlega snatura Europa, errore che può distruggere calcio”

4 minuti di lettura

Il segretario del Pd, tifoso del Milan, non ha dubbi: "E' una strada sbagliata" MILANO (ITALPRESS) – "Quella della Superlega è un'operazione che snatura l'Europa". La pensa così Enrico Letta, segretario del Pd, tifoso milanista e convinto europeista, in merito alla Superlega voluta da alcuni grandi club d'Europa (in Italia Juventus, Milan e Inter) che pensano a un calcio simile alla concezione statunitense dello sport. "Ma l'Europa è diversa degli Stati Uniti! È l'Europa delle 40 capitali diverse che spesso si raggiungono fra loro con mezz'ora di aereo, delle 40 bandiere, delle 40 lingue, delle 40 storie – spiega Letta in un'intervista alla Gazzetta dello Sport -. L'Europa è l'emozione di vedere la maglia a strisce orizzontali del Celtic Glasgow, è seguire le imprese dell'Atalanta e quelle del Leicester, è entusiasmarsi per il fascino di un derby di Lisbona fra Sporting e Benfica. Dobbiamo difendere tutto questo". Il 'suo' Milan ha aderito alla Superlega. "Fra i tifosi c'è la consapevolezza che si stia percorrendo una strada sbagliata. E da tifoso del Milan mi appello al Milan: non si faccia quest'errore. I club della Superlega riceveranno pure, forse, 350 milioni a testa, ma così distruggeranno tutto ciò che hanno intorno. Ed è proprio ciò che sta intorno che alimenta il fascino del calcio". Letta crede che si può ancora mediare. "Ho un dubbio che mi fa pensare sia possibile. Vorrei verificare se dietro questa vicenda si possa nascondere un negoziato in una vertenza nata da un cambiamento della formula della Champions League, che ai grandi club non piace. Potrebbe essere una possibilità. Per il resto si tratta di una cosa tanto enorme quanto irrealizzabile, quando ho letto le prime informazioni sono rimasto senza parole. Un progetto profondamente sbagliato. Tanto più in un momento drammatico come questo". Il riferimento è alla pandemia. "Mi colpisce il 'tempismo' di questa operazione. Di fronte a una crisi così grande come quella che stiamo vivendo, non c'è lo stare tutti sulla stessa barca, la cooperazione, il cercare di dare una risposta comune, ma l'esatto contrario. L'Europa ha risposto alla pandemia con la solidarietà e il programma Next Generation Eu, quest'Europa della Superlega è una lussuosa scialuppa di salvataggio che salva solo pochi e butta a mare gli altri". Per i grandi club si tratta di continuare a rendere affascinante il prodotto calcio. "Ma ci sono tanti modi per lavorarci. E poi parliamo di novità? Questo progetto sarebbe un eterno clasico, sfide sempre uguali con un gruppo ristretto di squadre che si sfidano a ripetizione – sottolinea Letta -. E scusate, le novità del calcio non sono venute spesso dalla periferia. Chi non ricorda il Foggia di Zeman? E gli inizi di Arrigo Sacchi prima del Milan? E pensiamo alla serie A di questa stagione alla storia del Sassuolo, del Benevento, dello Spezia". Secondo Letta l'Unione Europea in questa partita, può "giocare un ruolo di moral suasion per convincere i club a tornare sui propri passi. Ci troviamo di fronte a un danno economico, sociale e culturale proprio mentre l'uscita della pandemia ci dovrebbe imporre il massimo della solidarietà". (ITALPRESS). ari/red 20-Apr-21 10:35

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mafia, 14 arresti per la sparatoria dell’8 agosto a Catania

Articolo successivo

Parla Stefano Zecchi: “La mia esperienza di vaccinato Astrazeneca”

0  0,00