Calcio: Scudetto più vicino, Conte vuole chiarezza per l’Inter che verrà

4 minuti di lettura

Il tecnico nerazzurro pensa alla prossima stagione: "I programmi societari sono cambiati" APPIANO GENTILE (ITALPRESS) – Vedere Antonio Conte presentarsi in sala stampa con il sorriso dopo un pareggio contro lo Spezia dice tanto, conoscendo il personaggio. Eppure anche lui dice che ora il traguardo l'Inter lo vede sempre più vicino. Ed è così, nonostante il secondo 1-1 consecutivo dopo quello di Napoli. Un pareggio, quello contro lo Spezia, che sta anche stretto ai nerazzurri che, soprattutto nel secondo tempo, meritavano decisamente di più. Due pali (entrambi con Lautaro), occasioni sprecate (specialmente con Lukaku, apparso il più stanco di tutti), una presenza costante nella metà campo avversaria, per un successo sfuggito per poco che però non crea alcun allarmismo. A rendere un po' amara la serata del Picco, invece, ci sono due questioni di grande attualità: il portiere e lo stesso allenatore. Handanovic, dopo la goffa autorete di Napoli, è stato protagonista di un altro episodio negativo, facendosi passare il tiro tutt'altro che imparabile di Farias sotto il corpo. Una stagione, quella del portiere nerazzurro, caratterizzata da qualche errore di troppo, lui che negli anni passati era spesso stato determinante con le sue parate. All'Inter un problema portiere esiste e andrà affrontato sul mercato, sia per la carta di identità dello sloveno (a luglio compirà 37 anni) che per la necessità di avere un altro portiere di alto livello da affiancargli, magari in un'alternanza che faccia da passaggio di consegne prima della scadenza del contratto (2022). Il tema Conte, invece, riguarda tanto per cambiare il suo futuro, con una frase sibillina detta alla conclusione della conferenza stampa post partita che getta non poche ombre su quello che potrà capitare alla fine della stagione: "Noi oggi possiamo incidere solo sul presente – ha detto Conte -. Sappiamo che i programmi societari sono cambiati per tanti motivi e alla fine della stagione si dovrà fare chiarezza, questo è inevitabile. I tifosi lo meritano. Se ci vuole un progetto chiaro? Sì". E tanto basta per pensare a un Villa Bellini-bis, un faccia a faccia con proprietà e dirigenza che potrebbe portare a scenari clamorosi. Anche con uno scudetto appena conquistato. Sul fronte societario, tramontata l'ipotesi Superlega, per l'Inter si riapre la questione relativa alla ricerca del finanziamento da 250 milioni di euro per mettere una toppa ai problemi finanziari. Il gruppo Suning, assistito da Goldman Sachs, sarebbe in trattativa con tre gruppi americani: Fortress, King Street Capital Management e Bain Capital Credit. Ma le ripercussioni di quanto capitato negli ultimi tre giorni potrebbero riguardare anche l'amministratore delegato Beppe Marotta, intenzionato a rimettere il proprio mandato di consigliere federale dopo le polemiche che lo hanno coinvolto in prima persona. Dopo il pareggio contro lo Spezia l'Inter è tornata subito al lavoro ad Appiano. Kolarov e Vidal hanno lavorato ancora a parte e domenica contro il Verona non ci saranno. (ITALPRESS). bf/ari/red 22-Apr-21 18:49

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

In aumento nuovi casi Covid, 360 morti e tasso al 4,4%

Articolo successivo

Ponte Stretto, Musumeci: “Necessario per far diventare Sicilia il cuore del Mediterraneo”

0  0,00