Di Rocco “Al Coni manca cabina regia, con me per tornare a normalità”

2 minuti di lettura

L'ex presidente Fci: "Bisogna realizzare le cose semplici" ROMA (ITALPRESS) – "Inizialmente non immaginavo di avventurarmi in questa gara, poi sono stato convinto da un senso di lamentela e malcontento all'interno del palazzo, dove sono cresciuto come dirigente, da parte dei dipendenti e soprattutto del mondo sportivo esterno, di tante federazioni che non trovano più nel Coni un punto di riferimento". Così, ai microfoni di "Radio Anch'io Sport", su Rai RadioUno, Renato Di Rocco, uno dei quattro candidati alla presidenza del Coni assieme al numero uno uscente Giovanni Malagò, ad Antonella Bellutti e a Franco Chimenti. "A parte lo scorso anno con la pandemia, ogni federazione sta tentando un percorso per la ripartenza, manca una cabina di regia – spiega l'ex presidente della Federciclismo – Il calcio e il ciclismo ci stanno riuscendo, altre discipline devono fare da sole per tentare un dialogo con il Cts. Io ho votato Malagò da presidente del ciclismo, invece c'è stata sempre conflittualità". Secondo Di Rocco, c'è da eliminare la "conflittualità che esiste con gli enti di promozione sportiva", e da portare a casa "la riforma della giustizia sportiva e la riorganizzazione di tutto il territorio del Coni, ridotto a presidi di rappresentanza senza più spinta ed energia: manca il riferimento, il Coni è la confederazione delle federazioni, e questo si è perso". Per l'ex numero uno della Fci, "se Chimenti è sceso in campo in supporto a Malagò, vuol dire che la candidatura di quest'ultimo non è così forte come appare". Di Rocco, infine, assicura che "bisognerebbe votare per me per tornare alla normalità. Dopo il Covid bisogna realizzare le cose semplici e far ripartire l'attività di base". (ITALPRESS). mc/red 26-Apr-21 09:15

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il ritorno della Voce: l’espansione delle chat audio nei social

Articolo successivo

Governo, Salvini “Letta non deve provocare quotidianamente”

0  0,00