Calciomercato: Barcellona, incontro fra Laporta e papà Messi

2 minuti di lettura

Il club blaugrana prova a dare un'accelerata per il rinnovo dell'argentino BARCELLONA (SPAGNA) (ITALPRESS) – Il Barcellona prova ad accelerare sul rinnovo di Lionel Messi. Secondo l'emittente "Tv3", Joan Laporta avrebbe incontrato la scorsa settimana il padre e agente dell'argentino, Jorge, per iniziare a gettare le basi della trattativa. Al momento per il massimo dirigente blaugrana non è possibile presentare un'offerta formale perchè ancora in attesa dell'esito dell'audit sui conti del club, ma da entrambe le parti ci sarebbe la piena disponibilità a giungere a un'intesa. Messi, in particolare, vorrebbe un contratto simile a quello che ha siglato Navarro nel basket: un accordo da 10 anni che gli consentirebbe di giocare un altro paio di stagioni nella Ciudad Condal prima di provare un'esperienza nella Mls e poi entrare a far parte dell'area sportiva del Barcellona. Ma non solo: Jorge Messi avrebbe dato garanzie sulla disponibilità del figlio a ridursi l'ingaggio a patto che quei soldi vengano utilizzati per portare in blaugrana un big dal sicuro avvenire come per esempio Haaland. O magari per provare a riportare Neymar, che rimane sullo sfondo: il brasiliano è in scadenza nel 2022 col Paris Saint Germain, non ha ancora rinnovato e in Catalogna insistono sul fatto che stia aspettando le mosse del Barça. Ma non sarebbe da escludere un altro scenario: che sia Messi a raggiungere Neymar a Parigi, magari per giocare anche con Cristiano Ronaldo, che lascerebbe la Juve dovessero i bianconeri mancare la qualificazione in Champions. Un trio delle meraviglie che potrebbe concretizzarsi se alla fine fosse Mbappè – pure lui in scadenza nel 2022 – a lasciare la Francia. (ITALPRESS). glb/red 29-Apr-21 10:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Smartworking, le aziende verso un sistema ibrido

Articolo successivo

A fine marzo 9,7 mln dipendenti in attesa di rinnovo del contratto

0  0,00