Calcio: Milenkovic “Alla Fiorentina sono cresciuto e diventato uomo”

3 minuti di lettura

"Sono state stagioni difficili ma non sono mancati i momenti belli" FIRENZE (ITALPRESS) – "Posso solo dire un enorme grazie per tutto quello che mi hanno dato questa città, questa società, questi tifosi. Qui alla Fiorentina sono diventato un uomo. La Fiorentina mi ha accolto dal primo giorno come se fossi sempre stato qui e mi ha fatto crescere tantissimo. Mi sento molto cresciuto sia a livello mentale che da calciatore". Nikola Milenkovic si confessa in un'intervista concessa al sito ufficiale viola, ripercorrendo la sua avventura iniziata nell'estate 2017. "Ci sono stati molti momenti belli personalmente alla Fiorentina, anche se poi su quattro stagioni, tre sono state difficili – ha ammesso – Sicuramente il mio debutto è stato uno dei momenti più belli. Poi la vittoria per 3-0 contro la Juventus all'Allianz Stadium, è stata molto emozionante per tutti noi. Il momento più brutto è sicuramente la morte di Davide. Abbiamo sofferto tutti tantissimo. Sono state stagioni difficili, tranne la mia prima a Firenze. Abbiamo fatto un percorso non previsto e più faticoso di quanto ci immaginavano. Quest'anno ci ritroviamo coinvolti nelle zone basse della classifica… Ogni calciatore vorrebbe lottare per l'Europa. Tanti momenti sono stati difficili, ma mi ricordo i momenti belli e li porto con me". "Ogni mio gol è un'emozione incredibile, come lo è ogni stadio pieno e vedere tifosi appassionati come quelli viola – ha proseguito Milenkovic – Il calcio si gioca per i tifosi". E guardando più in là, a quello che sarà il suo futuro una volta appesi gli scarpino al chiodo, per il difensore serbo "è difficile dire cosa farò. Non posso cambiare il passato, né conoscere il futuro: è importante vivere nel presente. Ora faccio quello che amo di più, il lavoro più bello del mondo, gioco a calcio. Voglio godermelo e divertirmi. Sicuramente da calciatore ti passa nella testa di pensare di poter allenare in futuro. Ogni giorno sei in campo, spesso guardi video dal tuo allenatore, e pensi anche a come faresti tu. Ma non so cosa capiterà, non so quando smetterò. Quando arriverà il momento ci penserò". (ITALPRESS). lc/glb/red 06-Mag-21 11:37

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, Von der Leyen “Italia aveva ragione a chiedere l’intervento Ue”

Articolo successivo

Droga, Dadone “Un giovane al giorno muore per overdose”

0  0,00