Sainz “Non possiamo ancora lottare con Mercedes e Red Bull”

3 minuti di lettura

"L'impatto con la Ferrari? Per essere al massimo in un team devi restarci per più di un anno" MONTMELO' (SPAGNA) (ITALPRESS) – "E' molto speciale essere qui, questa è la gara più importante dell'anno, anche se senza i tifosi e le gradinate piene è diverso, non è lo stesso. Quando uno è piccolo sogna sempre una carriera alla Ferrari. Noi speriamo di sfruttare bene il 2022". Carlos Sainz, pilota della Ferrari, si prepara per il "suo" Gran Premio di Spagna. Lo spagnolo ha dei grandi ricordi a Montmelò: "Io ho conosciuto Alonso quando avevo 10 anni – racconta a Sky Sport – da lì in poi ho incontrato Schumacher, Todt e soprattutto ho conosciuto il mondo della Formula 1. Ho sempre sognato di correre qui. Ora ci sono, ma sarebbe stato più speciale con il pubblico". Per quanto riguarda la stagione, "siamo la Ferrari e vogliamo battere tutti. L'Alpine in Portogallo era veloce, ma vogliamo essergli davanti. Quest'anno abbiamo recuperato tanto, ma non possiamo ancora lottare con la Red Bull e la Mercedes. Hamilton vuole fare la differenza come pilota e si vede che sta spingendo più che mai. Norris? Già l'anno scorso era bravo, sta facendo un inizio di stagione molto buono". A livello personale, Sainz ammette: "Sto cercando di abituarmi, sono contento di come sta andando in Ferrari, anche se devo acquisire esperienza. E' un percorso lungo e difficile: per essere al massimo in un team devi restarci per più di un anno. Se voglio qualcosa so con chi devo parlare in scuderia. Ogni macchina si guida con un determinato stile e quello della Ferrari è completamente diverso dalla McLaren. Devo essere comodo sulla monoposto e sapere come funziona il set-up. Questo lo si riesce a fare solamente sbagliando". Sulla figura del padre, il nativo di Madrid non nasconde la stima: "Mi dà ancora dei consigli, non come pilota, ma più come persona e come atleta. Lui è uno sportivo, sa come ci si deve comportare. Lo sto sfruttando molto da quando sono arrivato in Ferrari, vuole che io faccia bene qua. A golf lo batto, sono in un buon momento di forma anche se sta migliorando. Era stanco di perdere e quindi ha preso delle lezioni. A padel contro Leclerc? Vinco io, ma voglio migliorare", conclude. (ITALPRESS). spf/glb/red 06-Mag-21 14:03

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Stellantis e UNASCA con i giovani per costruire la mobilita’ del futuro

Articolo successivo

Calcio: Corsi “La promozione più sofferta per l’Empoli, fiero di noi”

0  0,00