Stellantis e UNASCA con i giovani per costruire la mobilita’ del futuro

2 minuti di lettura

TORINO (ITALPRESS) – Neopatentati e vetture elettriche, sono due mondi che raramente si sfiorano. L'abilitazione alla guida e' infatti ancora tutti incentrata su vetture con cambio manuale e motore a combustione, trasmissioni automatiche e motori a batterie appaiono come chimere lontane. Anche se a guidare le auto del futuro saranno soprattutto i 18ennI di oggi. Nasce per superare questa incongruenza il progetto Pole Position, ideato e realizzato da e-Mobility di Stellantis e Unasca (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica). Grazie a specifici training, infatti, gli istruttori delle autoscuole distribuite sul territorio nazionale, avranno il compito di diffondere ai giovani le caratteristiche tecniche della mobilita' elettrica ma anche di connettivita' e guida autonoma. Il progetto e' stato presentato oggi nell'e-Village di Stellantis a Torino, contestualmente alla consegna degli attestati di partecipazione ai primi 40 istruttori nazionali coinvolti nel progetto Pole Position. Saranno loro a "diffondere" il verbo nel settore autoscuole che si occupa del rilascio di circa un milione di patenti e di quasi tre milioni di rinnovi l'anno. "Sono convinto che un'adeguata formazione degli istruttori delle scuole guida italiane in materia di elettrificazione della mobilita' e di veicoli elettrici costituira' la scelta vincente per formare le nuove generazioni alla mobilita' sostenibile" ha spiegato in un messaggio il Ministro, Enrico Giovannini. "La collaborazione nel progetto Pole Position – ha dichiarato Roberto Di Stefano, ceo di e-Mobility – e' l'ulteriore conferma che la nostra azienda crede nei giovani e nel loro potenziale, ritenendo fondamentale formarli sui cambiamenti in atto nel settore automotive. Il futuro immediato della mobilita' sara' sempre piu' elettrico, e' fondamentale indirizzare i neo-patentati verso una guida piu' responsabile e sostenibile". Emilio Patella, Segretario nazionale Autoscuole Unasca, dal canto suo ha spiegato come sia "importante aggiornare gli istruttori di guida sulle nuove forme di mobilita'. Dobbiamo tutti insieme contribuire a un cambio di mentalita' per fermare il cambiamento climatico in corso. Oltre allo sforzo della ricerca e dei costruttori, occorre l'impegno per cambiare i programmi di esame per conseguire la patente e la mentalita' dei nuovi conducenti". (ITALPRESS). jp/sat/red 06-Mag-21 13:55

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tokyo2020, accordo Cio con Pfizer e BioNTech per vaccino agli atleti

Articolo successivo

Sainz “Non possiamo ancora lottare con Mercedes e Red Bull”

0  0,00