Cozzoli “Covid impatto pesante su sport, fare squadra per ripartenza”

3 minuti di lettura

Il presidente di Sport e Salute: "Indispensabile un piano di rilancio" ROMA (ITALPRESS) – "Lo sport deve diventare un diritto sancito nella Costituzione formale del Paese. Lo Stato ha riconosciuto lo sport come attività di interesse generale. Adesso dobbiamo fare un salto culturale necessario. E' indispensabile un piano di rilancio del Paese nel quale tutte le componenti mettano assieme energie per fare gioco di squadra e guardare a un futuro inevitabilmente diverso ma speriamo anche migliore di prima". Lo ha detto Vito Cozzoli, presidente e amministratore delegato di Sport e Salute, nel corso di un forum online. "Il Covid ha avuto un impatto pesante sullo sport. L'8% di chi a febbraio non aveva riaperto, ha cessato l'attività. Il 27% tra Asd e Ssd si avvarrà dello stesso numero collaboratori, mentre il 42% pensa di cessare l'attività entro l'anno. La situazione è molto complicata", ha evidenziato Cozzoli. Guardando al futuro, "è necessario – ha detto ancora il numero uno di Sport e Salute – che la scuola primaria diventi il punto di partenza in cui si promuove la cultura dello sport, intesa non solo come attività fisica. Abbiamo 20 milioni di italiani che fanno sport, ma siamo il quinto paese come sedentarietà. Ci mancano 40 milioni di italiani per creare una generazione geneticamente sportiva". Secondo Cozzoli, poi, altri punti essenziali sui quali investire sono "la tecnologia e il digitale, che sono una grande opportunità per fornire servizi sportivi, aiutare a gestire l'organizzazione". E ancora la "valorizzazione dei luoghi dello sport. Abbiamo censito 77mila impianti che devono essere supportati, riqualificati, adattati ai bisogni contemporanei dello sport. Valorizzati per la funzione sociale che offrono e per l'offerta outdoor. Infine – ha concluso – la promozione della salute. Evidenze scientifiche consolidate dimostrano che 1 euro investito sull'attività sportiva comporta un risparmio di 4 euro in sanità. Oggi abbiamo l'opportunità di produrre risorse ingenti, da utilizzare per abbattimenti costi di accesso allo sport, per una piena capacità di inclusione. Si tratta di obiettivi raggiungibili ma soltanto valorizzando l'azione sistemica dello sport, mettendo da parte tifo e personalismi per immaginare un presente di rilancio e un futuro migliore per lo sport". (ITALPRESS). spf/mc/red 11-Mag-21 12:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Banca Popolare Sant’Angelo, un annullo postale speciale per i 101 anni

Articolo successivo

Licheri: “Sulle riaperture no a fughe in avanti”

0  0,00