Individuato un meccanismo alla base del diabete di tipo 2

6 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Seguire da vicino la traiettoria del diabete di tipo 2, per comprendere quale sia il fattore 'X' alla base della sua comparsa, e' un filone di ricerca di non poco conto, alla luce dei 700 milioni di persone affette da questa condizione nel mondo. Per questo, sta suscitando molto scalpore nel mondo scientifico uno studio pubblicato su Journal of Clinical Investigation (JCI) realizzato grazie alla collaborazione tra il gruppo del professor Andrea Giaccari, Responsabile del Centro per le Malattie Endocrine e Metaboliche Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e professore associato di Endocrinologia, Universita' Cattolica, campus di Roma, e quello del professor Sergio Alfieri, Direttore del Centro Chirurgico del Pancreas della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Ordinario di Chirurgia Generale all'Universita' Cattolica. La ricerca ha consentito di dimostrare che per lo sviluppo del diabete di tipo 2 e' molto piu' importante una cattiva funzionalita' delle cellule beta del pancreas (quelle che producono insulina), che non un'improvvisa riduzione del loro numero, come quella che si determina a seguito di un intervento di rimozione parziale del pancreas (pancreasectomia parziale), che dimezza il patrimonio di cellule beta. E la disfunzione che puo' determinare la comparsa di diabete e' una rallentata secrezione di insulina in risposta all'aumento della glicemia da parte di cellule beta 'tartaruga', quella che gli esperti chiamano alterazione della prima fase di secrezione insulinica. "Nella storia naturale della comparsa del diabete di tipo 2 – spiega il primo autore, la dottoressa Teresa Mezza, ricercatrice in Endocrinologia, UOC Endocrinologia e Diabetologia del Gemelli diretta dal professor Alfredo Pontecorvi – insulino-resistenza e deficit di secrezione di insulina si modificano continuamente nel tempo, ed e' impossibile capire quale delle due variabili sia piu' importante. Con l'intervento chirurgico modifichiamo sperimentalmente solo una delle due variabili, nello stesso identico modo in tutti i pazienti. Con un intervento di pancreasectomia parziale, in termini di evoluzione della malattia diabetica, e' un po' come fare in due mesi quello che la natura fa nell'arco 20 anni". Gli interventi chirurgici stanno insegnando molto sulla genesi del diabete; questo studio dimostra che, anche asportando mezzo pancreas a un paziente che non ha insulino-resistenza (cioe' non e' sovrappeso/obeso), ne' deficit di secrezione di insulina, quel soggetto non diventera' diabetico. Ai fini del mantenimento di una buona glicemia dunque, non conta quanto pancreas viene rimosso, ma che quello che resta funzioni bene. "L'innovativita' di questo filone di ricerca – spiega il professor Andrea Giaccari, autore senior dello studio – risiede soprattutto nel non studiare persone che hanno gia' il diabete, ma persone che sono a rischio di svilupparlo, confrontando dati in vitro e in vivo e cercando di capirne i meccanismi. Questo e' possibile solo lavorando in un grande Policlinico come il Gemelli, al fianco di una eccellenza nella chirurgia del pancreas come quella diretta dal professor Alfieri". La ricerca pubblicata su JCI ha coinvolto 78 pazienti candidati a intervento di duodeno-pancreasectomia, che sono stati sottoposti a test da carico di glucosio (OGTT) e a clamp iperglicemico, prima e dopo l'intervento per andare a valutare l'effetto 'acuto' della riduzione delle cellule beta pancreatiche, sulla comparsa di diabete. L'asportazione parziale del pancreas (duodeno-pancreasectomia) dimezza infatti il 'corredo' di cellule beta pancreatiche, produttrici di insulina, che i pazienti hanno a disposizione. I risultati di questo studio suggeriscono che, a determinare la comparsa di diabete, sarebbe in particolare l'incapacita' delle cellule beta di reagire prontamente con la secrezione di insulina all'aumento di glicemia che si verifica dopo un pasto (difetto della prima fase rapida di secrezione insulinica). E dunque, i soggetti portatori di queste cellule beta dai 'riflessi' rallentati (cellule 'tartaruga') sono quelli piu' predisposti a diventare diabetici. Una predisposizione questa che si 'annida' nelle pieghe del Dna; sono stati infatti individuati almeno dieci geni 'tartaruga' in grado di 'intorpidire' la secrezione insulinica da parte delle cellule beta. Un fattore fondamentale per il determinismo del diabete di tipo 2 e' dunque l'incapacita' delle cellule beta di secernere insulina in maniera veloce; chi ha cellule dai riflessi 'rapidi' (cellule 'lepre') e' protetto dal diabete, chi invece e' portatore di cellule beta 'lente' (cellule 'tartaruga') a rispondere alle variazioni di glicemia, piu' facilmente andra' incontro al diabete in caso di riduzione del numero delle cellule produttrici di insulina. E la pandemia di obesita' che affligge il mondo e' un grande 'rivelatore' dei soggetti portatori di queste cellule dai riflessi 'lenti', perche' l'obesita' mette in campo un altro importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2, l'insulino-resistenza, cioe' l'incapacita' di tessuti e organi bersaglio dell'insulina di rispondere ai comandi di questo ormone, per superare la quale le cellule beta devono produrre sempre piu' insulina. (ITALPRESS). fsc/com 11-Mag-21 12:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Hi-Tech & Innovazione Magazine – 11/5/2021

Articolo successivo

Gamenet completa l’acquisizione, nasce la nuova Lottomatica

0  0,00