Il G20 lavora a un sistema di risposta alle future sfide sanitarie

6 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – La pandemia da Covid-19 e' una crisi sanitaria globale, con un impatto senza precedenti in termini di perdita di vite umane e con pesanti conseguenze economico-sociali. La crisi ha fatto emergere la necessita' di ripensare il tema degli investimenti in preparednes, sorveglianza e risposta alle pandemie. L'approccio a questi temi da parte della comunita' internazionale, non puo' essere caratterizzato dall'eventualita' di una nuova crisi sanitaria, bensi' deve basarsi sul fatto che una nuova minaccia ci sara' di nuovo. Nonostante il grande sforzo che la comunita' internazionale sta realizzando per garantire un'ampia distribuzione dei vaccini, trovare terapie di cura efficaci e rafforzare le reti di sorveglianza sulle malattie, mancano meccanismi in grado di garantire la sicurezza sanitaria globale nel lungo periodo. Senza un sistema di finanziamento adeguato sara' impossibile sviluppare un approccio globale coordinato per gestire future epidemie. Per rispondere a questa esigenza, nel gennaio 2021, il G20 ha deciso di istituire un Panel di alto livello per il finanziamento dei beni comuni globali per la preparazione e la risposta alle crisi pandemiche (High Level Independent Panel – HLIP on financing the global commons for pandemic preparedness and response). Il Panel, proposto dalla presidenza italiana del G20, e' stato incaricato di effettuare una valutazione degli attuali sistemi di finanziamento dei sistemi di risposta e prevenzione delle pandemie, per proporre soluzioni di sostenibilita' di lungo periodo. In particolare, i membri del Panel sono al lavoro per identificare soluzioni per colmare le carenze nei sistemi di finanziamento in modo sistematico, attraverso un bilanciamento tra le risposte del settore pubblico, di quello privato, del mondo della filantropia e delle organizzazioni finanziarie internazionali. Il Panel e' co-presieduto da Ngozi Okonjo-Iweala, direttore generale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, Tharman Shanmugaratnam, ex viceprimo ministro ed ex ministro delle Finanze di Singapore e Lawrence Summers, ex Segretario al Tesoro degli Stati Uniti. I lavori del Panel si sviluppano partendo dalla valutazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanita' sulle lacune nella prevenzione delle pandemie e sulle iniziative internazionali volte a migliorare la preparazione e la risposta globale in corso. In questi primi mesi di lavoro, i membri del Panel si sono incontrati con regolarita', interagendo con le organizzazioni Internazionali e con una serie di stakeholder provenienti dal mondo delle Organizzazioni non governative, agenzie per lo sviluppo economico, universita', mondo della filantropia e con attori chiave del settore privato. Il 7 aprile 2021, in occasione della seconda riunione ministeriale dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20 sotto la Presidenza italiana, il Panel ha presentato un primo documento sull'avanzamento dei lavori (Progress Note). Ad oggi, il finanziamento di tale sistema di prevenzione e' stato inadeguato e frammentato, caratterizzato da contributi sporadici. Esiste ora una concreta opportunita' di cambiamento, per rafforzare i sistemi di finanziamento e trasformare la capacita' di prevenzione e risposta alle pandemie. Per fare questo, e' tuttavia necessario garantire che il finanziamento sia continuo e garantito anche in 'tempi di pace', oltre alla reattivita' nel mobilitare risorse laddove l'insorgere di una nuova pandemia lo renda necessario. I membri del Panel hanno inoltre riconosciuto l'importanza di avere sistemi sanitari nazionali efficienti e inclusivi, in particolar modo per paesi a basso reddito e per quelli a medio-basso redito. Rafforzare i sistemi sanitari nazionali, oltre a preparare meglio la risposta a future pandemie, garantirebbe un migliore servizio sia per il diffondersi di altre malattie infettive, sia per la salute generale della popolazione del lungo periodo. Se da un lato, un efficace sistema di finanziamento dei beni globali e' fondamentale per garantire il sostentamento di un sistema di preparazione e risposta alle pandemie, dall'altro, e' necessario che tale sistema sia gestito da un sistema di governo in grado di farlo funzionare e che possa, allo stesso tempo, fare da bilanciamento dei contributi dei vari attori in gioco garantendo logica e coerenza nell'utilizzo dei fondi. Nei prossimi mesi il Panel continuera' nel suo lavoro, per arrivare alla riunione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20 di luglio con un rapporto finale. A quel punto, una task force, composta da esperti provenienti dai ministeri delle finanze e della salute, con il supporto dell'OMS, dell'OCSE e di altre organizzazioni internazionali rilevanti, avra' in compito di valutare il rapporto e le raccomandazioni del Panel per arrivare ad un'adozione finale nella riunione G20 congiunta dei Ministri delle Finanze e Salute il prossimo ottobre. L'attivita' proseguira' inoltre in parallelo con altre iniziative Internazionali a contrasto della pandemia, prima fra queste il Global Health Summit in programma a Roma il 21 maggio 2021. (ITALPRESS). fsc/com 12-Mag-21 19:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Amministrative, Gasparri “Centrodestra compatto”

Articolo successivo

Vaccini, dal 17 maggio via libera alle prenotazioni per i 40enni

0  0,00