Nadal Re di Roma per la decima volta, Djokovic KO

3 minuti di lettura

Lo spagnolo batte il serbo in tre set, ora punta al 14° Roland Garros ROMA (ITALPRESS) – E' ancora una volta Rafa Nadal il Re di Roma. Lo spagnolo, terzo nel ranking Atp e numero due del seeding, ha vinto la odierna finale degli Internazionali d'Italia di tennis, battendo in finale il serbo Novak Djokovic, uno del mondo e del tabellone, col punteggio di 7-5 1-6 6-3. Per Nadal si tratta del decimo trionfo sui campi in terra battuta del Foro Italico, dove è andato in scena il torneo Masters 1000 dotato di un montepremi pari a 2.082.960 euro. Al termine di una autentica battaglia, durata 2 ore e 49 minuti, il giocatore maiorchino ha dimostrato di essere ancora il più forte di tutti sul rosso. La prima volta si era imposto a Roma nel 2005, ovvero 16 anni addietro. Adesso Nadal, che quest'anno si è imposto pure nella "sua" Barcellona, punterà al 14esimo successo sulla terra del Roland Garros. Per lui quello odierno è l'88esimo titolo della carriera: 20 prove del Grande Slam, 36 1000, una medaglia d'oro olimpica, 22 tornei 500 e 9 250. A complimentarsi con lui anche Novak Djokovic. "Con lui è sempre una lotta. Uno dei miei più grandi avversari di sempre. Abbiamo giocato entrambi bene. Complimenti a lui e al suo team. Per me era importante ritrovare il feeling sulla terra battuta", ha detto il erbo. "I next gen? Siamo io, Rafa e Roger Federer", ha aggiunto Djokovic, chiarendo che i tre tenori non intendono lasciare spazio e campo alle "giovani leve". Per lui, in undici finali disputate a Roma, cinque successi e sei sconfitte. Contento come se fosse al primo successo, invece, Nadal. "Vincere qui è sempre tutto molto bello. Ringrazio Nole per le belle parole che ha avuto nei miei confronti. Vedremo a Parigi cosa succederà ma con Djokovic è sempre 'una guerra'. Essere qui dopo sedici anni è una gioia immensa, difficile da esprimere", ha detto lo spagnolo. Nadal negli ottavi di finale ha annullato due match-ball al russo Shapovalov. Anche a Barcellona aveva dimostrato di essere sempre un "lottatore", battendo in finale Tsitsipas dopo aver annullato un match-point al greco. Lunga vita agli indistruttibili "tenori" del tennis mondiale. (ITALPRESS). pdm/red 16-Mag-21 20:27

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il Sassuolo vince 3-1 a Parma, in corsa per il 7° posto

Articolo successivo

Calcio: Serie A. De Zerbi “Crediamo nel 7° posto, via a fine stagione”

0  0,00