Sonego “Le Finals nella mia Torino il paradiso”

4 minuti di lettura

Dopo un cammino esaltante agli Internazionali, il tennista piemontese sogna un posto nelle Finals TORINO (ITALPRESS) – Ha battuto il numero 4 del mondo Dominic Thiem e il numero 7 Andrey Rublev, poi ha fatto tremare sua maestà Novak Djokovic in semifinale. Lorenzo Sonego ha riportato l'Italia in semifinale agli Internazionali dopo 14 anni e si è preso la scena, confermando il periodo d'oro del tennis italiano. Oltre al talento la grande tenacia, il non arrendersi mai per il 26enne torinese. "Credo sia una qualità innata che parte da una considerazione semplice: io mi diverto da pazzi a giocare a tennis e quindi do la stessa importanza a tutti i punti – spiega in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport -. In questo modo mi distacco dal risultato e penso soltanto a vincere il prossimo scambio, e poi quello dopo e poi quello dopo ancora. Da ragazzino, lo sapete, mi chiamavano Polpo perché restavo attaccato a ogni punto, quella tigna mi è rimasta. E certamente il clima da battaglia mi esalta". La tenacia da sola non basta per battere e mettere in crisi i top player. "Sono uscito dalla preparazione invernale con la consapevolezza di essere diventato più competitivo, sentivo meglio la palla, ero cresciuto con il rovescio. Poi sono arrivati anche i risultati, che rimangono la benzina migliore". "Un giocatore ambizioso deve curare ogni dettaglio per provare a raggiungere i suoi obiettivi. Quindi ho un mental coach, Lorenzo Beltrame: nessuna tecnica strana o particolare, solo grandi chiacchierate. È soprattutto uno scambio continuo di sensazioni", ha aggiunto Sonego che dopo aver affrontato tre big come Thiem, Rublev e Djokovic ha capito che "per arrivare alla loro altezza mi manca ovviamente un pizzico di esperienza nella gestione complessiva della partita. Ma quello che bisogna imparare da loro è la continuità: da una settimana all'altra riescono a resettare e a giocare allo stesso, altissimo livello". I talenti azzurri più giovani, Sinner e Musetti per Sonego sono "fortissimi, ottengono grandi risultati, è giusto che si parli soprattutto di loro. Ognuno ha il suo carattere, la cosa bella è che ci stimoliamo gli uni con gli altri". Da sempre con coach Gipo Arbino, Sonego dice: "E' come un secondo padre, è la persona che mi conosce meglio in assoluto, che mi ha fatto maturare da bambino a uomo. Anche se dovessi perdere 40 partite consecutive, vorrei sempre lui al mio fianco, però è ossessivo sul servizio, mi martella perché vorrebbe che migliorassi in fretta. Siamo l'unico caso al mondo in cui il coach vuole arrivare al risultato prima del suo giocatore", ride Sonego grande tifoso del Toro. Il popolo granata sostiene che se metà della squadra avesse il carattere di Sonego si sarebbe salvata già a gennaio. "Questa stima mi rende orgoglioso. È stata un'annata difficile, speriamo si risolva senza danni, ma di sicuro ci è anche girato tutto male". Spende i soldi che guadagna "solo per migliorarmi come giocatore" e della sconfitta dice: "Non la patisco. Se perdi, impari più di quando vinci". Ultima battuta su cosa sceglierebbe tra battere di nuovo il numero uno del mondo, giocare un grande torneo a Wimbledon e la qualificazione alle Finals. Nessun dubbio per Sonego che sceglierebbe: "Le Finals nella mia città. Sono nato a due passi dal palazzetto, giocare a Torino non sarebbe un sogno. Sarebbe il paradiso". (ITALPRESS). ari/red 18-Mag-21 11:12

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Baci, abbracci e sesso: si se vaccinati o con “tecniche speciali”

Articolo successivo

Calcio: Lega B. A Costa il “Gentleman Morosini”, in tre per il “Simoni”

0  0,00