Di Silvestre “Vogliamo restituire a societa’ nostro successo”

5 minuti di lettura

Partira' ufficialmente il 5 giugno, in occasione della Giornata mondiale dell'Ambiente, il progetto presentato oggi nella sede dell'Accademia Teatro alla Scala "Uno di un milione" nato da un'idea del Collettivo OP con la partecipazione dell'Orchestra e del Coro di Voci Bianche dell'Accademia Teatro alla Scala, realizzato in collaborazione con Azienda per il Turismo Val di Sole, Parco Nazionale dello Stelvio, Comune di Pejo, Funivie Pejo 3000, Popack e grazie a BMW Italia come Partner. Il progetto nasce per far dialogare natura, arte, musica e tecnologia, in un'opera originale dove la relazione e' resa possibile solo dalla partecipazione collettiva. Luisa Vinci, Direttore Generale dell'Accademia Teatro alla Scala, sottolinea come "l'Accademia non poteva che accogliere con entusiasmo questo progetto, capace di guardare al futuro grazie al coinvolgimento dei giovani, e che coniuga dei valori importanti quali la tutela e la valorizzazione dell'ambiente e la promozione di arte e cultura come strumenti di sapere ed innovazione". Il 3 luglio ci sara' un grande concerto di inaugurazione a 3000 metri a Pejo, che simbolicamente rappresenta i territori che ospitano il progetto: la Val di Sole, Pejo e il Parco Nazionale dello Stelvio: "i ragazzi del territorio delle scuole di musica e dei centri di aggregazione hanno partecipato alla lavorazione di composizione e dato vita ad un brano sinfonico che verra' poi rintracciato durante i percorsi sensoriali" ha spiegato Luciano Rizzi, Presidente APT Val di Sole; grazie alla tecnologia Popack "sono state realizzate delle borracce rigorosamente plastic-free, in leggero acciaio termico, dotate di un QR code che svelera' nota dopo nota, tappa dopo tappa, il brano musicale" ha spiegato Luca Lagash del Collettivo OP, sottolineando come "essere parte di 'Uno di un milione' significa entrare a far parte di un laboratorio creativo in cui la tutela delle risorse ambientali e' caposaldo e sul quale e' possibile costruire una visione del futuro da condividere con le nuove generazioni". Fabio Sacco, Direttore APT Val di Sole, ha sottolineato invece come il progetto, che di fatto e' iniziato ieri con la consegna fisicamente delle borracce nelle scuole della Val di Sole, "e' un percorso che si rigenera e che quindi andra' avanti con un futuro tutto da vedere e da capire". "Arte e sostenibilita' sono un binomio straordinario – ha sottolineato Massimiliano Di Silvestre, Presidente e Amministratore Delegato BMW Italia – e il progetto 'Uno di un milione' di cui BMW Italia e' partner, nasce proprio dalla volonta' di mettere insieme tematiche differenti, assolutamente connesse e orientate al futuro; e' un momento di riflessione importante attraverso la lente di ingrandimento dell'arte su temi fondamentali come l'utilizzo responsabile delle risorse, l'acqua in primis, la cura del pianeta, il rispetto della natura, la voce dei giovani ed il futuro che vogliamo progettare insieme". Nel 2021 BMW e' stato riconosciuto come il Brand piu' sostenibile in Italia "ed e' quindi naturale per noi – ha continuato Di Silvestre – essere parte attiva di questa storia". Il Presidente e AD BMW Italia ha poi ricordato come il 2021 abbia visto per il Gruppo "l'importante traguardo di un milione di automobili elettrificate vendute", inoltre ha spiegato che nel 2030 l'obiettivo e' "che meta' dei volumi BMW sia proprio rappresentato dalle automobili elettriche: questa attenzione alla sostenibilita' e' anche un modo diverso e alternativo di interpretare il business -ha chiosato Di Silvestre – E infatti quest'anno pubblicheremo un rapporto di sostenibilita' nel nostro bilancio. Questo e' un percorso che ci sentiamo di fare come Azienda perche' ci crediamo da sempre: siamo leader di successo e vogliamo restituire alla societa' questo successo". (ITALPRESS). ban/tvi/red 27-Mag-21 15:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Clima, il mondo potrebbe toccare +1,5°C in uno dei prossimi 5 anni

Articolo successivo

Il “Modello Genova” per la ripartenza del Paese

0  0,00