Euro2020: Nazionale. Incontro Rosetti-azzurri su linee guida arbitrali

2 minuti di lettura

L'ex direttore di gara ha illustrato le novità e gli aggiornamenti regolamentari ROMA (ITALPRESS) – Mattinata di lezioni nell'aula magna del Centro Tecnico Federale di Coverciano per la Nazionale di Roberto Mancini. Gli azzurri hanno seguito due incontri promossi dalla Uefa in vista dell'inizio della fase finale del Campionato Europeo. Il Chief refereeing officer della Uefa, Roberto Rosetti, ha illustrato le novità e gli aggiornamenti regolamentari, mentre l'Integrity officer della Figc, Giovanni Spitaleri, ha parlato davanti alla platea composta dai calciatori e dallo staff tecnico della Nazionale a proposito del match fixing. "È stato un incontro molto produttivo – ha sottolineato Roberto Rosetti – per condividere le linee guida arbitrali in vista del prossimo Europeo. I giocatori sono stati molto partecipi e coinvolti nel seguire le indicazioni". In particolare il Chief refereeing officer della Uefa ha illustrato due variazioni regolamentari: in caso di tocco accidentale di mano da parte di un compagno di squadra, con l'azione che poi terminerà con un gol, la rete adesso sarà confermata come valida; inoltre, il portiere non potrà più riprendere la palla con le mani dopo aver servito volontariamente un proprio compagno ed essersi fatto restituire immediatamente la sfera, da questi, con un tocco non di piede. Rosetti ha quindi spiegato agli azzurri alcuni aggiornamenti, raccomandandosi in particolare sull'evitare proteste vivaci e 'sbracciate' per evitare sanzioni, e illustrando nello specifico su cosa possa e non possa intervenire il Var, e su tutto ciò che venga inteso col fallo di mano nella direzione arbitrale. (ITALPRESS). ari/com 01-Giu-21 14:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Boxe: Niente Tokyo2020 per Clemente Russo

Articolo successivo

Covid, con “Carta Spesa” contributi per 50mila famiglie romane

0  0,00