Avanti Philadelphia, Atlanta e Utah, Dallas 3-2 sui Clippers

3 minuti di lettura

Sixers e Hawks si sfideranno in semifinale nella Eastern Conference NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Philadelphia, Atlanta e Utah avanti, Dallas quasi. Nella Eastern Conference si completa il quadro delle semifinali: nella parte alta del tabellone si affronteranno Sixers e Hawks, che nella notte hanno chiuso sul 4-1 le rispettive serie con Washington e New York. La squadra guidata da Doc Rivers, nonostante l'assenza dell'infortunato Embiid, spazza via i Wizards per 129-112, con Seth Curry (30 punti, massimo in carriera in una gara di play-off), Tobias Harris (28 punti) e Ben Simmons (19 punti, 11 assist e 10 rimbalzi) a fare da trascinatori. Fine corsa per Washington, dove Beal (32 punti) e Westbrook (24 punti) sono gli ultimi ad arrendersi. Philadelphia può così continuare a coltivare il sogno di un Anello che manca dal 1983 ma dovrà fare i conti con Atlanta, che archivia la pratica Knicks aggiudicandosi gara 5 al Madison Square Garden per 103-89 nel segno di Trae Young: 36 punti e 9 assist, con tanto di inchino finale dopo una gran tripla nel minuto conclusivo. A trascinare gli Hawks nella prima semifinale di Conference dal 2016 anche Clint Capela (14 punti e 15 rimbalzi), serata no invece per Danilo Gallinari: un punto (0/7 dal campo e 1/2 ai liberi), due rimbalzi, una palla recuperata e una persa il suo contributo in 18 minuti. A Ovest avanza Utah, che chiude i conti contro Memphis sul 4-1 grazie al successo per 126-110. Donovan Mitchell, forse memore della rimonta subita nella passata stagione per mano di Denver – quando i Jazz furono eliminati dopo essere stati avanti 3-1 nella serie – mette a referto 26 dei suoi 30 punti già nel primo tempo, indirizzando la gara. Per lui anche 10 assist e sei rimbalzi. La prima forza della Western Conference attende ora l'esito della sfida fra Dallas e Clippers, con i Mavs ora in vantaggio per 3-2 dopo il successo allo Staples Center per 105-100 in una serie dove il fattore campo continua a non contare nulla. I texani ringraziano il solito Luka Doncic (42 punti, 14 assist e 8 rimbalzi) anche se poi i liberi decisivi per la vittoria li firma a 8 secondi dalla sirena Tim Hardaway Jr (20 punti). Solo spettatore Nicolò Melli, fra i Clippers – ora sull'orlo del baratro – 23 punti di George e 20 a testa per Leonard e Jackson. (ITALPRESS). glb/red 03-Giu-21 09:02

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

De Zerbi “Raspadori è molto forte, assomiglia ad Aguero”

Articolo successivo

2 giugno. Quale festa per quale Repubblica? Il dopo-Mattarella

0  0,00