Report Altems, vaccinazioni Italia superano la media Ue

4 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Continua senza sosta la campagna vaccinale, facendo incrementare settimanalmente i valori dei nuovi vaccinati in tutte le fasce d'eta'. A livello nazionale si registrano le seguenti percentuali per le fasce di eta' considerate: 16-19 anni (4,93%), 20-49 anni (20,79%), 50-69 (58,83%), 70-79 (83,59%), over 80 anni (91,94%). La media nazionale (che considera la fascia di eta' maggiore di 16 anni) e' pari al 46,22%. Analizzando il rapporto tra la popolazione residente e il numero punti di somministrazione (territoriali ed ospedalieri) per ciascuna regione, la Regione Puglia ha il rapporto piu' basso: in media ogni punto vaccinale ha in carico circa 5397 residenti, seguita dalla Liguria con 8399 residenti. Al contrario, la Regione Lombardia e Campania hanno il valore piu' alto, con un rapporto pari a 72783 residenti per la Lombardia e 89524 residenti per la Campania. Analizzando l'andamento delle somministrazioni nei Paesi Membri dell'Unione Europea, il valore medio Ue delle somministrazioni e' pari a 56.947 x 100.000 abitanti, il valore dell'Italia e' pari a 59.240 x 100.000 abitanti. E' quanto emerso dalla 55ma puntata dell'Instant Report Covid-19 – https://altems.unicatt.it/altems-covid-19 – una iniziativa dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Universita' Cattolica di confronto sistematico dell'andamento della diffusione del Sars-COV-2 a livello nazionale. "Incrociando i profili delle regioni con l'incremento di personale – afferma il professor Americo Cicchetti, direttore dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi sanitari dell'Universita' Cattolica (ALTEMS) – possiamo notare un'eterogeneita' dei comportamenti delle regioni in termini di assunzioni di nuovo personale e di risposta alla pandemia. Se consideriamo, infatti, i giorni di sospensione per l'attivita' chirurgia e i volumi di presentazioni "perse", due delle tre regioni "resilienti" (Veneto +584, Lazio +282) hanno notevolmente incrementato il personale medico, mentre solo per una delle regioni "fragili" (Lombardia +516) si registra un notevole incremento di personale medico. Sia le regioni "late responder" (es. Sicilia +101) che "inerti" (es. Piemonte +163) si caratterizzano, invece, per un incremento minore del personale medico se comparato con quello del Lazio e del Veneto". "Se consideriamo – invece – il rapporto tra giornate di sospensione per le attivita' ambulatoriali e prestazioni "perse" – continua Cicchetti – le Regioni "resilienti" (es. Lombardia +847, Veneto +733, Lazio +381) sembrerebbero essere caratterizzate da un incremento maggiore del personale medico se comparato con quello delle "late responder" (es. Piemonte +345, Sicilia +133, Sardegna +146). Guardando al mix di assunzioni tra personale medico direttamente coinvolto nell'emergenza Covid-19 (Anestesia e rianimazione, Malattie dell'apparatosi respiratorio, Medicina e accettazione d'urgenza, Medicina interna, Malattie infettive, Microbiologia e virologia, Sanita' pubblica) e personale non direttamente coinvolto – continua Cicchetti – notiamo che le regioni "resilienti", considerando il rapporto tra giorni di sospensione per l'attivita' chirurgia e i volumi di presentazioni "perse", hanno assunto prevalentemente personale con specializzazioni Covid-19 (Veneto 57%, Lazio 79%). Tra le regioni "fragili" non si registra un orientamento prevalente mentre le Regioni "late responder" (PA Trento 0%, Umbria 35%) e "inerti" (Molise 30%, Piemonte 40%, Valle d'Aosta 0%) hanno assunto in prevalenza personale no covid". "Infine – conclude Cicchetti – se guardiamo al rapporto tra giornate di sospensione per le attivita' ambulatoriali e prestazioni "perse", notiamo che le regioni classificate come "fragili", "inerti" e "late responder" hanno orientato le politiche di assunzione di nuovo personale prevalentemente verso le specializzazioni no covid. Per quanto, riguarda, invece le regioni "resilienti" non sembra emergere un orientamento prevalente". (ITALPRESS). fsc/com 04-Giu-21 15:55

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Con la pandemia 1 milione di fumatori in più

Articolo successivo

Visco “Cambiamento climatico minaccia crescita e stabilità”

0  0,00