Maradona, parla l’infermiere “Mi era stato ordinato di non svegliarlo”

1 minuto di lettura

Il sanitario "Nessuno mi aveva detto che Maradona era cardiopatico". ROMA (ITALPRESS) – All'infermiere Ricardo Almiron, che assisteva Diego Armando Maradona negli ultimi giorni della sua vita, "è stato ordinato di non svegliarlo". A dirlo è Franco Chiarelli, legale di Almiron. Il sanitario, accusato di aver mentito agli inquirenti dicendo che Maradona dormiva e respirava normalmente poche ore prima della sua morte, è stato ascoltato per sette ore per cercare di spiegare le circostanze che hanno portato alla morte del Pibe de Oro. "Il mio assistito aveva svolto il suo compito di sorvegliarlo, ha sempre trattato Maradona come un paziente con implicazioni psichiatriche e problemi legati all'astinenza", ha spiegato il legale, come riportano i media locali. Almiron, nel corso dell'interrogatorio alla procura di San Isidro, ha anche aggiunto: "Nessuno mi aveva detto che Maradona era cardiopatico, ma notai che aveva un ritmo cardiaco superiore ai battiti in qualsiasi momento. Segnalai ai medici la sua tachicardia, nessuno mi diede risposta". (ITALPRESS). mra/gm/red 15-Giu-21 16:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calciomercato: Real. Ancelotti pensa a Barella e Locatelli

Articolo successivo

Calcio: De Laurentiis “Io senza scorta, mi sento uomo libero”

0  0,00