Calcio: Sergio Ramos in lacrime “Lasciare Real decisione più difficile”

5 minuti di lettura

"Volevo restare in questo club, non è stato possibile, vado via con orgoglio", dice il difensore MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – "E' arrivato il momento ed è uno dei più difficili della mia vita, nessuno può mai essere pronto per dire addio al Real". Queste le prime parole di Sergio Ramos, poi le lacrime e un pianto che dice tutto sullo stato d'animo di un campione che ha fatto la storia dei "blancos" e che lascia il club del Santiago Bernabeu dopo 16 anni, quattro Champions League, quattro Mondiali per club, tre Supercoppe europee, cinque campionati spagnoli, due Coppe del Re e quattro Supercoppe spagnole. Insieme a lui la moglie, anche lei visibilmente emozionata, e i suoi più stretti familiari. Prima del difensore, che non ha rinnovato il contratto in scadenza a giugno, il presidente Florentino Perez in conferenza stampa. "E' un giorno pieno di sentimenti ed emozioni per tutti i madridisti del mondo, con Sergio abbiamo vissuto tanti anni e c'è grande affetto. Non dimenticherò mai la sua conferenza stampa di presentazione, aveva appena 18 anni e una gran voglia di conquistare il mondo – le parole del numero 1 del Real -. Una forza fuori dal comune, il suo acquisto non fu facile, ma sapevamo che avrebbe segnato un'epoca e così è stato". "Sono orgoglioso di quello che hai fatto e che hai vinto, sarai sempre una leggenda del Real, uno che in campo si è guadagnato l'amore e il rispetto di tutti – ha aggiunto Perez rivolgendosi al suo ormai ex calciatore -. Ti ringraziamo per tutto quello che ci hai dato e per come hai difeso la maglia lottando fino alla fine. Rimarrai sempre nel ricordo di tutti e sarai sempre l'uomo della Decima. E' molto difficile vincere tutto quello che hai vinto, in tutto 22 titoli che insieme a Marcelo fanno di te il secondo giocatore più vincente della nostra storia alle spalle soltanto di Gento, ma al di là dei numeri sarai sempre uno dei nostri capitani più amati. Non è un giorno facile perchè sei una figura speciale per me, ma anche per il Real, un club che resterà per sempre casa tua, una leggenda come te sarà sempre un ambasciatore del Madrid". Dopo il presidente le parole di Sergio Ramos e le lacrime immediate dopo aver cominciato il discorso. Poi la continuazione: "Ero un bambino quando sono arrivato e ringrazio la mia famiglia per avermi accompagnato in tutti questi anni. Ringrazio il club, il presidente per tutto il suo affetto, ringrazio gli allenatori e tutti gli impiegati del Real". "Basta guardarvi in faccia per emozionarmi – ha proseguito Sergio Ramos -. Ringrazio i tifosi che mi hanno sempre sostenuto, mi sarebbe piaciuto dare il mio addio al Bernabeu, ma resterete sempre e comunque nel mio cuore. Si chiude una tappa unica della mia vita e non troverò nulla di simile a tutto quello che ho vissuto qui, ma voglio continuare a giocare ai miei livelli e vincere ancora altri titoli. Ringrazio tutti, ma il mio è un arrivederci perchè prima o dopo tornerò". Fin qui il discorso del leggendario centrale dei blancos, poi la conferenza stampa e una risposta precisa a una domanda altrettanto chiara. "Sia chiaro che io non volevo andar via dal Real, volevo portare avanti la mia avventura con questo club e la società mi aveva proposto il rinnovo, poi il Covid ha fatto sì che l'argomento venisse messo da parte. Negli ultimi mesi mi è stato proposto un contratto di un anno con la riduzione dello stipendio e ci tengo a precisare che il problema non è mai stato economico, volevo un biennale per la tranquillità mia e della mia famiglia, nonostante tutto avevo deciso di accettare la proposta che mi era stata fatta, ma mi è stato detto che ormai era scaduta. Decisione rispettabile, ma che mi ha sorpreso perchè non mi era stato data alcuna data. In ogni caso vado via orgoglioso di quello che ho fatto al Real". (ITALPRESS). ari/red 17-Giu-21 14:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Vieri “Mancini bravo e testardo, Italia tra le top al mondo”

Articolo successivo

Calciomercato: Milan. Riscattato Tomori, in rossonero fino al 2025

0  0,00