/

Cristina di Svezia… il trionfo della ragione

2 minuti di lettura
1
Una donna, regina, che fu unica da molti punti di vista. Libera nella propria vita al punto di rifiutare un trono! Forse un po’ freddo e troppo a nord, per quella donna così curiosa di conoscere tutto, tanto da essere chiamata la ” Minerva del Nord”.
Sapiente e collezionista, quindi innamorata del Sud, dove, dopo la Roma dei Cesari, regnava la Roma dei Papi.  Dopo l’ incredibile stagione del Rinascimento che aveva fatto di Roma e dell’Italia il fulcro della rinascita culturale europea, ora era il barocco a fare scuola all’Europa e Roma con la Corte Papale ne era il fulcro radiante.
Per non parlare delle testimonianze di tutto il mondo classico che adornavano tutto il paese che era stato il cuore dell’impero romano e ora invece lo era della Chiesa Cattolica. Certo la spinta a cambiare “clima” fu forte per la troppo intelligente Cristina. Il rigido e austero mondo luterano poco si addiceva a una donna troppo libera ,amante di quel Sud , si sede della Civiltà Classica, ma anche così spiccatamente cattolico!
Ma con buona pace dei luterani, era Roma e la sua Chiesa ad essere intrisa di arte e di cultura, nonché custode di quel patrimonio così vasto di tesori ed opere d’arte che era il territorio italiano. Il cambio di “clima” le avrebbe giovato in tutti i sensi! Finalmente libera dalle rigide regole della corte svedese e della religione di Lutero, che segretamente non amava affatto. Non  sapremo mai di quanto fosse convinta della sua conversione al Cattolicesimo. Ma del suo amore per la cultura e per l’arte siamo pronti a testimoniare che fu senz’altro un amore così vero e così forte da spingerla a un passo che forse fu la sola a compiere nella storia dell’uomo: abdicare da un trono e abiurare una fede.
E questo per una donna di quel tempo , non può che farci considerare il suo coraggio, la sua determinazione e suscitare in noi una grande e sconfinata ammirazione!

1 Comment

  1. Le chicche di Massimo Bomba per un pubblico di nicchia che sa apprezzare e fare proprie le sue scelte culturali, anche se talora, alquanto ridotte. Strategia per sollecitare l’interesse in un approfondimento personale? Forse❣️❣️

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Verso il via libera dell’Ue al Pnrr italiano

Articolo successivo

Primarie, Letta: “Il popolo del centrosinistra c’è”

0  0,00