Ford e Hermes, ricerca su consegne a domicilio con guida autonoma

7 minuti di lettura

DUNTON (REGNO UNITO) (ITALPRESS) – Le consegne a domicilio sono ormai diventate parte integrante della nostra vita, ma il modo in cui i pacchi arrivano ogni giorno nelle nostre case potrebbe cambiare. Ford, infatti, ha annunciato un nuovo programma di ricerca dedicato ai veicoli a guida autonoma che ha l'obiettivo di aiutare le aziende europee a capire come trarre vantaggio dalle nuove soluzioni del settore. Hermes, azienda leader nel Regno Unito per le consegne a cliente finale, sara' la prima a collaborare con Ford nel nuovo programma. La ricerca, che prevede l'utilizzo di un veicolo commerciale Ford personalizzato, mira a comprendere piu' a fondo in che modo gli utenti della strada interagirebbero con un furgone per le consegne apparentemente senza autista. Lo speciale Ford Transit appositamente modificato e' provvisto di sensori che simulano l'aspetto di un furgone con guida autonoma e di un particolare sedile sul lato guida in grado di nascondere il conducente: la persona al volante e', infatti, nascosta da un finto sedile, facendo credere agli altri utenti della strada che non vi sia nessuno alla guida. "Per introdurre sulle strade i veicoli a guida autonoma, e' importante concentrarsi non solo su come rendere la tecnologia utilizzabile, ma anche su come puo' essere utile alle aziende dei nostri clienti", ha dichiarato Richard Balch, Director Autonomous Vehicles and Mobility di Ford Europa. "Ovviamente, per capire in che modo i clienti dovranno adattarsi alle nuove soluzioni, non c'e' modo migliore che effettuare delle prove in un contesto reale". Da sei anni Ford e' leader del mercato europeo dei veicoli commerciali. 1 Sfruttando l'esperienza accumulata e combinandola con le competenze delle aziende di logistica, Ford intende individuare nuove opportunita' e stabilire nuovi modelli di utilizzo per i veicoli commerciali, prestando particolare attenzione a come cambierebbe l'interazione con le persone se ai processi attuali venissero affiancati i veicoli con guida autonoma. Le attivita' pianificate che prevedono anche molte interazioni umane rappresentano un caso ideale per sperimentare i nuovi veicoli commerciali. Le responsabilita' dell'autista si estendono talvolta ben oltre il semplice spostamento da un luogo a un altro. In un'azienda che si occupa di consegne o logistica, per esempio, l'autista potrebbe avere anche il compito di organizzare e caricare i pacchi, consegnarli a mano ai destinatari o ricaricarli sul furgone qualora non sia possibile consegnarli. Nell'ambito di questa ricerca l'autista avra', invece, un ruolo totalmente passivo e si limitera' a guidare il veicolo. Il furgone per le consegne verra' supportato da una squadra di corrieri che si muovono a piedi e sono provvisti di un'app per smartphone che permette loro di far accostare il veicolo e di sbloccare da remoto il portellone di carico quando il veicolo e' parcheggiato in modo sicuro a bordo strada. All'interno del furgone, le istruzioni vocali e su schermo digitale indicano al corriere il vano contenente i pacchi da consegnare. Capire e guidare l'interazione degli esseri umani con il veicolo consentira' alle aziende di proseguire le proprie attivita' in sicurezza anche senza un autista. Il progetto di ricerca, in collaborazione con Hermes, durera' due settimane e portera' avanti il lavoro iniziato con le prove di consegna ai clienti finali effettuate da Ford a Londra, durante le quali una squadra di corrieri ha prelevato i pacchi da un furgone per consegne e ha coperto l'ultimo tratto a piedi, rendendo piu' rapide, sostenibili ed efficienti le consegne in citta'. I veicoli utilizzati per il progetto consentiranno a Hermes e ad altre aziende di iniziare ad analizzare i possibili scenari in cui i dipendenti lavorano fianco a fianco con i veicoli a guida autonoma. Per Hermes, nella fase di progettazione della ricerca e' stato necessario sviluppare un'app che consentisse ai corrieri di accedere al furgone per prelevare i pacchi: si tratta di un'attivita' di cui normalmente si occupa l'autista. "Siamo entusiasti di collaborare con Ford in questo esperimento pionieristico, che punta soprattutto a comprendere il potenziale dei veicoli a guida autonoma e scoprire se a lungo termine giocheranno un ruolo importante nel settore delle consegne," ha spiegato Linsey Aston, responsabile del reparto Product, Innovation and Onboarding. "Innoviamo costantemente per sviluppare ed esplorare idee come questa e non vediamo l'ora di avere i primi risultati della ricerca, che si riveleranno senza dubbio utili a tutto il settore". I ricercatori di Ford sono gia' al lavoro per integrare perfettamente nelle nostre vite i veicoli con guida autonoma e a tal proposito stanno sviluppando un linguaggio visivo basato su segnali luminosi che consenta a questi veicoli di comunicare in anticipo il proprio comportamento a pedoni, ciclisti e conducenti di altri veicoli. Ford ha messo alla prova la tecnologia di guida autonoma in alcune grandi citta' statunitensi e intende arrivare a un investimento dedicato a questi veicoli di circa 7 miliardi di dollari nell'arco di 10 anni (fino al 2025, con 5 miliardi di dollari investiti dal 2021 in poi) nell'ambito delle iniziative Ford Mobility. In collaborazione con la partner Argo AI, specialista in tecnologie di guida autonoma, Ford utilizza ogni giorno veicoli di prova in sei citta' degli Stati Uniti. Lo scorso anno, il sistema di guida autonoma targato Argo AI ha reso possibile la consegna porta a porta di generi alimentari e prodotti per uso scolastico tramite un ente di beneficenza di Miami, in Florida (USA). (ITALPRESS). sat/com 21-Giu-21 20:08

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’Austria batte l’Ucraina, sfiderà l’Italia a Wembley

Articolo successivo

Cts, stop mascherine all’aperto dal 28 giugno

0  0,00