Lotta all’ictus, Andrea Vianello nuovo presidente di ALICE Italia

4 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "L'ictus non e' un tabu', non e' qualcosa di cui vergognarsi, ma un pezzo di vita con cui fare i conti. Va gestito e affrontato senza rimuoverlo, senza sensi di colpa e cercando di prendere anche qualcosa di buono da questa esperienza devastante". Lo afferma Andrea Vianello, direttore di RaiNews, da oggi presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale). "E' per me un grande privilegio e, nello stesso tempo, una grande responsabilita' assumere questa carica – dichiara il neo-presidente, autore del libro "Ogni parola che sapevo" edito Mondadori in cui racconta la propria esperienza -. Mi auguro di essere uno stimolo per chi ha vissuto la mia stessa situazione e spero di riuscire ad aiutare chi, come me, si trova ancora a lottare e convivere con le conseguenze di questa patologia. A.L.I.Ce. Italia oggi e' una voce autorevole ed unica nel proprio campo, un'Associazione di portata nazionale ed internazionale, con rapporti consolidati sia con le principali Societa' Scientifiche di riferimento che con le Aziende e con ottime collaborazioni con le piu' importanti associazioni di pazienti che hanno come obiettivo principale la salute delle persone e la tutela del paziente". "Negli ultimi anni – conclude Andrea Vianello – A.L.I.Ce. Italia ha raggiunto importanti traguardi grazie al notevole lavoro svolto da chi mi ha preceduto e i progetti futuri si prospettano altrettanto stimolanti". Non meno importante la figura scelta per la carica di vice-presidente: il ruolo, infatti, sara' ricoperto da Anna Canepa, ligure, magistrato, attualmente sostituto procuratore presso la Direzione Nazionale Antimafia a Roma, colpita da ictus nel 2015 e autrice del libro "Sana come un pesce", nel quale viene raccontata la storia di Lucia Sassi, modellata sulla vita reale dell'autrice. La protagonista e' infatti una donna in carriera e sempre in movimento, con una salute invidiabile, fino a quando, improvvisamente, un ictus le cambia per sempre la vita. "Ero appunto sana come un pesce, sportiva, indipendente e dinamica – dichiara la neo vice-presidente. Ho dovuto fare i conti con un tipo di realta' al quale non ero assolutamente preparata, una realta' fatta di fisioterapia, immobilita', badanti, totale mancanza di autonomia. Il percorso di guarigione e' stato e tuttora lo e', lungo, faticoso, spesso avvilente. Sono felice di poter condividere la mia esperienza e di poterlo fare avendo alle spalle un'Associazione solida come questa". "Obiettivo della nostra Associazione – conclude Nicoletta Reale, presidente uscente – e' sempre stato quello di ridurre le conseguenze devastanti dell'ictus cerebrale, migliorare la qualita' della vita delle persone colpite, siano essi bambini, giovani, adulti o anziani, dei loro familiari e delle persone a rischio, cercando di diffondere le conoscenze necessarie per la prevenzione della malattia e di informare sulla sua diagnosi, cura e riabilitazione. E' stato per me un onore poter rappresentare l'Associazione in questi anni e sono certa che i neo-eletti porteranno avanti le nostre battaglie e i temi a noi cari con grande entusiasmo e tenacia". (ITALPRESS). sat/com 22-Giu-21 09:36

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

190 miliardi e non sapere che farci: con questa PA non riusciremo mai a spenderli

Articolo successivo

Federazione-partito unico del cdx. A Roma sabato il fantasma del Pdl

0  0,00