Corso maestri e istruttori Fita a Formia, Cito “Gruppo coeso”

2 minuti di lettura

Tre giorni che segnano un nuovo inizio per il taekwondo italiano. FORMIA (ITALPRESS) – Tre giorni per mettersi alle spalle oltre un anno da dimenticare, in cui la pandemia ha costretto il taekwondo – come tutti gli altri sport – a rimanere in letargo. Tre giorni che segnano un nuovo inizio. Lo scenario è quello del centro di Preparazione Olimpica di Formia. L'occasione, il Corso per Maestri e Istruttori. Ospiti speciali il Direttore Tecnico della nazionale Claudio Nolano e i tre azzurri che saranno protagonisti alle Olimpiadi (Dell'Aquila e Alessio) e Paralimpiadi (Bossolo) di Tokyo. Ad accompagnarli il presidente Angelo Cito. "Una partecipazione numerosa, che ci fa tornare a sorridere – spiega Cito -. Ci tenevo che questo corso fosse svolto in presenza essendo ormai pochi i giorni che ci separano dalle prossime Olimpiadi. Poter vivere questa atmosfera insieme e avere l'occasione di incoraggiare i ragazzi e lo staff tecnico tutti insieme crea ancora più forza in un gruppo coeso che rappresenta l'Italia". Lo sguardo rivolto in avanti, senza dimenticare il recente passato: "Questa emergenza ci ha insegnato tanto e dobbiamo farne tesoro per creare nuove opportunità. L'evolversi dello scenario pandemico che ha coinvolto il mondo intero, compreso lo slittamento delle Olimpiadi e relative qualificazioni al 2021 ha creato cooperazione tra i nostri atleti e quelli di altre Nazioni, a prescindere da chi si è qualificato e chi invece non ci è riuscito. Una cosa davvero molto particolare, che dovremo tenere a mente in futuro". Quali aspettative per Tokyo? "Torniamo ai Giochi dopo il passaggio a vuoto di Rio e partecipiamo a questa edizione con grande ottimismo e una squadra maschile di grande valore. Per lo più, per la prima volta nella storia un atleta Paralimpico, Antonino Bossolo, rappresenterà la nostra disciplina alle Paralimpiadi e di questo ne siamo fieri. Rientrare nel programma Paralimpico è straordinario. Un messaggio che va oltre lo sport inteso come tale ma bensì verso l'integrazione delle disabilità all'interno della nostra società". (ITALPRESS). gm/com 26-Giu-21 16:10

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sanità, Razza “In Sicilia impegnati a raggiungere standard europei”

Articolo successivo

F.1: Verstappen in pole al gp di Stiria, Leclerc 7°

0  0,00