Al sette colli tris Quadarella, record italiano per la Fangio

3 minuti di lettura

La Panziera domina i 200 dorso, buone sensazioni per la Pellegrini ROMA (ITALPRESS) – Tris della Quadarella, record italiano della Fangio, note positive per la Pellegrini e la Panziera. Questo, in estrema sintesi, il bilancio della terza e ultima giornata del "Sette Colli". Copertina per Simona Quadarella, la quale dopo i successi nei 1500 e negli 800, ha vinto anche i 400 metri. La romana (CC Aniene – Vigili del Fuoco) ha chiuso in 4'06"88, davanti a Julia Hassler (Liechtenstein, in 4'08"07. Terza piazza per Anna Chiara Mascolo (H. Sport Firenze), in 4'11"39. "Sta andando tutto bene. Era importante trovare le giuste sensazioni. Dopo gli Europei mi sono allenata molto bene, con stimoli ritrovati. Cercherò di arrivare tranquilla a Tokyo", ha detto l'azzurra, a fine gara, ai microfoni di RaiSport. Francesca Fangio è invece la "rivelazione" del giorno. La 25enne in forza alla "In Sport Rane Rosse" ha fatto registrare il record italiano nei 200 rana femminili, battendo il primato che deteneva da 12 anni Ilaria Scarcella. La Fangio ha fermato il crono a 2'23"06 e dovrebbe ottenere il pass per Tokyo2020. Alle sue spalle la belga Fanny Lecluyse, seconda in 2'23"30, e la svizzera Lisa Mamie, terza i 2'23"95. "Me lo aspettavo, dopo il tempo sui 100 di venerdì. Sono in condizione fisica ottima. Tempo super, sono al settimo cielo", ha dichiarato la Fangio dopo le fatiche di oggi. A ruota Federica Pellegrini ha chiuso al settimo posto i 50 stile libero. Per la "Divina" crono di 24"98, ovvero di poco sotto i 25", che erano l'obiettivo dichiarato della vigilia. Gara vinta dalla danese Pernille Blume in 24"17. Margherita Panziera ha dominato poi i 200 dorso. Per la veneta (Fiamme Oro – CC Aniene) crono di 2'08"08. Nei 50 farfalla Thomas Ceccon (Fiamme Oro – Leosport) si è dovuto accontentare della seconda piazza, in 23"41, alle spalle dell'ucraino Andrii Govorov (23"19). Nei 200 dorso Matteo Restivo ha mancato di poco il "limite olimpico", vincendo però la gara in 1'56"59. Bella affermazione di Alessia Polieri nei 200 farfalla. Nei 200 stile libero record della manifestazione dell'ungherese Kristof Milak, che si è imposto in 1'46"39, davanti al brasiliano Murilo Setin Sartori, secondo in 1'46"81, e al migliore degli italiani (in lotta per un posto nella staffetta), ovvero Stefano Di Cola (Marina Militare – CC Aniene), terzo in 1'46"84. Nei 200 misti vittoria di Alberto Razzetti (Fiamme Gialle – Genova Nuoto My Sport); al femminile successo di Sara Franceschi (Fiamme Gialle – Livorno Aquatics). Infine, nei 1500 vittoria a sorpresa di Fabio Dalu (Esperia – Cagliari). (ITALPRESS). pdm/red 27-Giu-21 21:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il premier del Lussemburgo positivo al Covid

Articolo successivo

M5S, telefonata Conte-Grillo ma restano le distanze

0  0,00