Nasce Nissan EV36Zero, un Electric Vehicle Hub a Sunderland

9 minuti di lettura

E' stato svelato il Nissan EV36Zero, un Electric Vehicle Hub che dara' vita al primo ecosistema di produzione di veicoli elettrici al mondo, presso l'impianto Nissan di Sunderland, nel Regno Unito. Il piano prevede un investimento complessivo da un miliardo di sterline. Il progetto e' stato lanciato da Nissan e dai suoi partner, Envision AESC, produttore di batterie leader a livello mondiale, e il Consiglio Comunale di Sunderland. Nissan EV36Zero riunisce in se' tre elementi interconnessi fra loro, i veicoli elettrici, le energie rinnovabili e la produzione di batterie, creando cosi' un nuovo modello a 360 gradi per la produzione automobilistica a zero emissioni, fornendo una spinta decisiva verso l'obiettivo Nissan di neutralita' totale dal carbonio. "Questo progetto fa parte del piano Nissan per raggiungere la neutralita' del carbonio durante l'intero ciclo di vita dei nostri prodotti. Il nostro approccio globale include non solo lo sviluppo e la produzione di veicoli elettrici, ma anche l'uso delle batterie come stoccaggio di energia e il loro riutilizzo per scopi secondari. Il nostro annuncio di oggi e' il risultato di un lungo lavoro di squadra e accelerera' notevolmente i nostri sforzi in Europa per raggiungere la neutralita' del carbonio. L'esperienza e il know-how acquisiti attraverso questo progetto saranno condivisi a livello globale, migliorando la competitivita' dell'Azienda. Nissan fara' sempre leva sui suoi punti di forza nell'elettrificazione per continuare a fornire valore ai suoi clienti e alla societa'" ha commentato Makoto Uchida, President and Chief Executive Officer Nissan. "L'annuncio di Nissan di costruire la sua nuova generazione di veicoli completamente elettrici a Sunderland, insieme a una nuova Gigafactory di Envision-AESC, e' un importante gesto di fiducia nel Regno Unito e nei nostri lavoratori altamente qualificati del Nord Est. Il progetto nasce in un'area con tradizione industriale ultra trentennale e ne assicura il futuro per i prossimi decenni, oltre a rappresentare un passo fondamentale nella nostra rivoluzione verso la mobilita' elettrica. Impegni come questi, aumentano la nostra capacita' di creare centinaia di posti di lavoro 'green' e stimolare l'industria britannica, permettendo inoltre alle persone di viaggiare in modo conveniente e sostenibile, eliminando cosi' il nostro impatto sul cambiamento climatico" ha detto il Primo Ministro britannico Boris Johnson . Oggi, svelando il Nissan 36Zero presso lo stabilimento di Sunderland, Ashwani Gupta, Chief Operating Officer Nissan, ha detto: 'Questo e' un giorno storico per Nissan, per i nostri partner, per il Regno Unito e per l'industria automobilistica nel suo complesso. Nissan EV36Zero apre nuovi orizzonti sulle potenzialita' del nostro settore industriale, stabilendo nuovi punti di riferimento. Con Nissan LEAF, il primo veicolo 100% elettrico di massa al mondo, Nissan ha inaugurato una nuova era e adesso, con i suoi partner, sara' pioniere della prossima fase dell'industria automobilistica, accelerando verso la completa elettrificazione e decarbonizzazione". Costruito sui 35 anni di produzione di eccellenza della fabbrica di Sunderland, il piano annunciato oggi rappresenta 6.200 posti di lavoro complessivi per Nissan, diretti e indiretti nel Regno Unito, di cui piu' di 900 nuovi posti di lavoro Nissan e 750 nuovi posti di lavoro nella nuova fabbrica di batterie Envision-AESC a basso impatto ambientale. A lungo termine, il progetto di trasformazione modernizzera' ed espandera' la capacita' produttiva Nissan di EV nel Regno Unito. Envision AESC, la business unit delle batterie facente parte di Envision Group, societa' globale specializzata in tecnologia verde, implementera' la tecnologia integrata AIoT per monitorare e ottimizzare il consumo di energia, la produzione e la manutenzione nella sua nuova Gigafactory. La produzione di batterie raggiungera' rapidamente le 100.000 unita' all'anno per equipaggiare altrettanti veicoli elettrici Nissan. Come parte dell'annunciato investimento da un miliardo di sterline, Nissan investira' fino a 423 milioni di sterline per produrre nel Regno Unito un veicolo di nuova generazione completamente elettrico. L'esperienza nei crossover e il successo mondiale di LEAF sono le premesse per una vettura dallo stile inconfondibile e innovativo, dall'elevata efficienza e con batterie di futura generazione. Progettato per il mercato globale, il nuovo crossover sara' distribuito nei paesi europei tradizionalmente serviti dallo stabilimento Nissan di Sunderland. La vettura sara' realizzata sulla piattaforma CMF-EV, con una capacita' produttiva che potra' raggiungere le 100.000 unita'. La produzione a Sunderland creera' 909 nuovi posti di lavoro nello stabilimento e piu' di 4.500 nuovi posti nella catena di approvvigionamento nel Regno Unito. Il progetto di trasformazione si aggiunge ai notevoli investimenti Nissan complessivi dalla nascita dell'impianto, superando cosi' i 5 miliardi di sterline. Interessati nuovi ambiti quali R&D presso il Nissan European Technical Centre di Cranfield, Bedfordshire, il sostegno ai fornitori del Regno Unito per la transizione ai veicoli elettrici, il miglioramento della competitivita' e dell'impatto ambientale degli impianti e lo sviluppo delle competenze della forza lavoro Nissan per le tecnologie future. AESC-Envision gestisce gia' la prima Gigafactory d'Europa a Sunderland, creata nel 2012 per la produzione locale di batterie per Nissan LEAF. Il team britannico della fabbrica ha nove anni di esperienza nella fornitura di batterie per Nissan LEAF ed eNV200, avendo prodotto celle, moduli e pacchetti per alimentare oltre 180.000 veicoli elettrici in 44 paesi, con elevati standard globali di qualita', prestazioni, sicurezza, affidabilita' e costi. Il processo di pianificazione della nuova Gigafactory sta per iniziare e prevede un impianto iniziale di 9 GWh, con un potenziale investimento futuro di 1,8 miliardi di sterline da parte di Envision AESC, generando fino a 25 GWh e creando 4.500 nuovi posti di lavoro "green" qualificati entro il 2030, con un potenziale in loco fino a 35 GWh. Il nuovo impianto aumentera' la competitivita' dei costi delle batterie EV prodotte nel Regno Unito, anche attraverso una nuova cella della batteria Gen5 con il 30% in piu' di densita' energetica, che migliora l'autonomia e l'efficienza. La produzione locale di parti e componenti del veicolo con tecnologia avanzata rendera' le batterie piu' economiche e i veicoli elettrici piu' accessibili a un numero crescente di clienti. La nuova Gigafactory creera' 750 nuovi posti di lavoro e consolidera' i 300 posti attuali. Il nuovo ecosistema Nissan si avvarra' di una 'microgrid' di elettricita' 100% rinnovabile, che permettera' di risparmiare 55.000 tonnellate di carbonio all'anno, guidata dal Consiglio Comunale di Sunderland. I piani iniziali prevedono la possibilita' di creare fino a dieci parchi solari e incorporare i parchi Nissan gia' esistenti, con una produzione totale stimata di 132 MW. E' inoltre prevista la connessione diretta alla rete di energia, per alimentare a zero emissioni sia l'impianto Nissan, sia le aziende automobilistiche situate nell'adiacente International Advanced Manufacturing Park (IAMP). I piani continueranno ad essere sviluppati anche in collaborazione con i potenziali investitori del settore privato "green". Primo nel suo genere, questo progetto prevede un investimento di 80 milioni di sterline e comprende un sistema di stoccaggio da 1 MW, realizzato con batterie Nissan EV/ Envision AESC di seconda vita. Questo permettera' di immagazzinare l'energia in eccesso generata durante le ore diurne e utilizzarla poi in un secondo momento, contribuendo a bilanciare i picchi di richiesta energetica. Ulteriori progetti infrastrutturali collegati alla nascita del nuovo Electric Vehicle Hub portano l'investimento totale iniziale a oltre un miliardo di sterline. (ITALPRESS). tvi/com 01-Lug-21 18:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Esce “Toy Boy”, Colapesce e Dimartino con Ornella Vanoni

Articolo successivo

Agricoltura, Milana: “Serviva accordo più coraggioso per la nuova Pac”

0  0,00