Atletica: domani Tamberi, Dal Molin e Bogliolo in Ungheria

3 minuti di lettura

Per l'azzurro del salto in alto penultima gara in vista dei Giochi ROMA (ITALPRESS) – Szekesfehervar, un'ora d'auto da Budapest in Ungheria, è la sede della penultima gara di Gianmarco Tamberi prima delle Olimpiadi di Tokyo che lo attendono in qualificazione nella mattinata del 30 luglio, day 1 per l'atletica. Il primatista italiano del salto in alto è tra i protagonisti azzurri del Gyulai Memorial di domani pomeriggio, tappa Gold del Continental Tour, insieme agli ostacolisti Paolo Dal Molin e Luminosa Bogliolo. Tamberi (Atl-Etica San Vendemiano) è chiamato a un pronto riscatto dopo il 2,24 di domenica 27 giugno a Leverkusen, e in Ungheria, dalle 16.45, si imbatte in alcuni dei principali avversari per le medaglie a cinque cerchi: è iscritto il campione europeo indoor Maksim Nedasekau (Bielorussia) che con 2,37 l'ha battuto a Torun in marzo (Gimbo 2,35 per l'argento) e sono annunciati in gara anche i due russi autorizzati, Mikhail Akimenko e Ilya Ivanyuk, rispettivamente argento e bronzo mondiale a Doha (Ivanyuk è leader mondiale 2021 all'aperto con 2,37). Anche qui, come pure a Montecarlo venerdì sera in Diamond League, tolto il campione del mondo Barshim si preannuncia una finale olimpica anticipata, che include anche l'ucraino Andriy Protsenko, l'australiano Brandon Starc, il bahamense Donald Thomas, il cubano Luis Zayas, il bulgaro Tihomir Ivanov. Tanta concorrenza e tanti stimoli, l'occasione giusta per ricominciare a volare, come già fatto sulla pedana di Firenze al Golden Gala Pietro Mennea (2,33 il 10 giugno) e come spesso accaduto in una splendida stagione indoor, contraddistinta da prestazioni che mancavano da cinque anni. Il pomeriggio ungherese è pure lo scenario per i migliori ostacolisti azzurri. Per Paolo Dal Molin (Fiamme Oro) è la prima uscita da recordman italiano dei 110hs, forte del 13.27 che agli Assoluti di Rovereto gli ha spalancato le porte dei Giochi di Tokyo. A seconda della composizione delle due serie (alle 17.25 o alle 18.05), sfiderà direttamente o a distanza il primatista del mondo dei 60hs Grant Holloway (Usa), ormai a un passo dal record mondiale nei 110hs (12.81 ai Trials, a un centesimo dal primato di Aries Merritt). Nel parterre anche il russo "Ana" Sergey Shubenkov, lo spagnolo Orlando Ortega, il giamaicano Ronald Levy. Super gara anche al femminile per la campionessa italiana Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro), in pista alle 17.15 o alle 17.57 a seconda della serie nella quale verrà inserita: la più forte è la portoricana Jasmine Camacho-Quinn, 12.32 per il vertice delle liste mondiali stagionali, già affrontata dalla ligure al Golden Gala. Ma non mancano le statunitensi Gabbi Cunningham e Taliyah Brooks, la giamaicana Britany Anderson e le europee Cindy Sember e Tiffany Porter (Gran Bretagna), Nadine Visser (Olanda), Elvira Herman (Bielorussia). (ITALPRESS). pal/com 05-Lug-21 18:37

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Milan. Incontro positivo con Sala per nuovo stadio

Articolo successivo

Calcio: intervento alla spalla sinistra per Dries Mertens

0  0,00