/

Il giardinaggio fa bene: ecco la conferma dalla scienza

2 minuti di lettura

Secondo uno studio condotto dalla Royal Horticultural Society il giardinaggio fa bene al corpo e alla mente:  sviluppa la creatività, favorisce l’attività fisica e diminuisce il livello di stress. La scienza quindi conferma l’effetto benefico di avere il pollice verde, infatti per i Centers for Disease Control and Prevention, il giardinaggio è un vero e proprio esercizio fisico: occuparsi del verde per soli 30 – 45 minuti permette di bruciare fino a 300 calorie.

I ricercatori dell’Università di Wagen nei Paesi Bassi  hanno testato sul campo gli effetti antistress del giardinaggio. Hanno, infatti assegnato un compito stressante ai giardinieri e li hanno divisi in due gruppi: uno poteva ricaricarsi leggendo e l’altro facendo giardinaggi.  Sia il giardinaggio che la lettura hanno portato a una diminuzione del cortisolo, ma l’effetto era significativamente più forte nel gruppo dedito al giardinaggio. L’umore positivo è stato completamente ripristinato dopo i lavori nel verde peggiorando invece durante la lettura.

Un’altra ricerca della Harvard School of Public Health condotta su circa 100 mila donne ha dimostrato che quelle che vivevano in aree circondate dal verde avevano un tasso di morte inferiore del 12% rispetto alle altre. In particolare, gli studiosi hanno registrato un tasso inferiore del 13% di mortalità per cancro, del 35% per malattie respiratorie e del 41% per malattie renali. La ragione sta in una combinazione di fattori: livelli più elevati di attività fisica, livelli più bassi di inquinamento e livelli più bassi di depressione.

Infine ricercatori delle Università di Londra e Bristol hanno dimostrato come il contatto con il suolo e con uno specifico batterio che si trova nel terreno, Mycobacterium vaccae, inneschi il rilascio di serotonina, un antidepressivo naturale che rafforza il sistema immunitario, e la cui mancanza contribuisce alla depressione.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Scherma, Cimini: “Emozione unica dopo tanto lavoro”

Articolo successivo

A maggio in calo la produzione industriale

0  0,00