Melli torna all’Olimpia Milano, contratto triennale

2 minuti di lettura

Dopo l'esperienza ai Dallas Mavericks l'ala forte riabbraccia l'Italia MILANO (ITALPRESS) – "La Pallacanestro Olimpia Milano ha raggiunto un accordo per tre anni con Nicolò Melli, nato a Reggio Emilia il 26 gennaio 1991, 205 centimetri di statura, ala forte, proveniente dai Dallas Mavericks ma già giocatore dell'Olimpia dalla stagione 2010-11 alla stagione 2014-15". Lo rende noto lo stesso club lombardo. "Nicolò è sempre stato al centro dei nostri pensieri, è il giocatore ideale, nel pieno della maturità, che volevamo perché è l'emblema del giocatore di squadra, con qualità tecniche indiscutibili. Inoltre, il suo ritorno dopo sei anni e una carriera di altissimo livello alle spalle, rappresenta per tutta l'Olimpia un motivo di orgoglio. Questo per noi è un giorno di grande felicità", ha affermato il general manager Christos Stavropoulos. "L'avevo detto che era un arrivederci, Milano. C'è ovviamente molta felicità nel ritrovare dopo sei anni un club che ha rappresentato tanto nella mia crescita: qui sono arrivato ragazzino, qui ho giocato le prime sfide ad alto livello, qui ho ottenuto il primo indimenticabile successo, lo scudetto", ha detto invece Melli. "Torno diverso come giocatore, grazie alle belle esperienze ad alto livello fatte all'estero, e anche alle vittorie conquistate con altri club. E' diversa anche Milano, rispetto a quella dalla quale sono partito: nei giocatori, nello staff tecnico, nella dirigenza stessa, che insieme alla proprietà vorrei ringraziare per quanto fortemente mi hanno cercato e voluto. Di immutato, però, ci saranno lo spirito vincente di una società che aspira sempre al massimo e la passione di una tifoseria che non vede l'ora di essere di nuovo al fianco della sua squadra: anche per queste ragioni, tornare dopo sei anni è molto stimolante", ha aggiunto l'ala forte. (ITALPRESS). pdm/com 09-Lug-21 14:31

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Vaccini anti Covid, 18 reazioni gravi ogni 100 mila dosi

Articolo successivo

Carrà, un applauso infinito per l’ultimo saluto alla regina della tv

0  0,00