Tennis: Atp. Regna sempre Djokovic, Berrettini a caccia del 7° posto

2 minuti di lettura

Nessuna variazione nella top ten, il romano insidia il russo Rublev ROMA (ITALPRESS) – Non registra variazioni la top ten del ranking mondiale ATP, sempre guidata da Novak Djokovic. Il 34enne serbo, diventato per la prima volta numero 1 del mondo il 4 luglio 2011 e al suo quinto periodo in cima al ranking, dopo aver strappato a Roger Federer il record all-time porta a 330 le sue settimane complessive sul trono. Alle sue spalle sempre il russo Daniil Medvedev (1.743 sono i punti di distacco dopo il sesto trionfo di Nole a Wimbledon), che precede lo spagnolo Rafa Nadal (staccato di 2.100 punti dal moscovita), che a sua volta allunga la striscia record a 826 settimane consecutive in top ten. Conferma al quarto posto per il greco Stefanos Tsitsipas, il tedesco Alexander Zverev in quinta posizione, seguito dall'austriaco Dominic Thiem (i due hanno ora lo stesso numero di punti). In settima posizione il russo Andrey Rublev, che vede ridursi a 517 punti il vantaggio su Matteo Berrettini, tornato sull'ottava poltrona – eguagliando il proprio best ranking – dopo la storica finale nel Major su erba londinese. Quindi in nona piazza l'elvetico Roger Federer, con il canadese Denis Shapovalov a chiudere l'élite mondiale, con appena 405 punti di margine sullo spagnolo Pablo Carreno Busta, in progresso di due posti grazie al trionfo nel "500" di Amburgo. Eguaglia il best ranking il norvegese Casper Ruud, che sale al 14° posto (+2) con il titolo conquistato a Bastad. In chiave azzurre, conferme anche per Jannik Sinner al numero 23, Lorenzo Sonego al 26° posto e Fabio Fognini al 31°, mentre risale un gradino Lorenzo Musetti, ora 61esimo. Due passi indietro per Gianluca Mager (75°), posizioni invariate per Marco Cecchinato (82°) e Andreas Seppi (87°). Scivola di tre posti Stefano Travaglia (91°), mentre ne perde 13 Salvatore Caruso, uscendo così dai primi 100 (il siciliano è numero 109). Da segnalare i best ranking per i Next Gen Giulio Zeppieri (300°, +16) e Flavio Cobolli (328°, +12). (ITALPRESS). mc/red 19-Lug-21 11:49

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tokyo2020: ItalPesi in partenza, Urso “Creato scuola internazionale”

Articolo successivo

Tennis: Wta. Barty sempre regina del ranking, Giorgi sale al numero 58

0  0,00