Calcio: Saponara “Feeling con Italiano, potrei dargli ancora una mano”

3 minuti di lettura

Il fantasista ex Spezia: "Buone chance di rimanere con la Fiorentina" MOENA (ITALPRESS) – "Con Italiano ho un ottimo rapporto e sicuramente sa come farmi rendere al meglio: so che ho la sua stima, e sono qui per dare una mano a lui e, se me lo chiedesse, a tutta la Fiorentina. Mi metto a disposizione sua e della società, e nel caso mi ritenessero idoneo al progetto di quest'anno sarei contento di rimanere qui". Lo ha detto il fantasista viola Riccardo Saponara nel corso di una conferenza stampa svoltasi nel ritiro della Fiorentina a Moena, in Val di Fassa. "Lottare per l'Europa? Sarebbe bello tornare ad ambire a determinati obiettivi – ha aggiunto il 29enne centrocampista forlivese, ex Milan, Fiorentina e Sampdoria – E' chiaro che il percorso non è immediato e semplice, credo però che la Fiorentina abbia in rosa dei giocatori che possano ambire per lo meno a crescere. Il lavoro fatto da mister Italiano negli anni scorsi è stato quello di valorizzare dal primo all'ultimo dei giocatori che ha avuto, e penso che possa farlo anche con tutti noi. E' quello che ci auguriamo: chiaro che non è semplice dopo qualche annata arrugginita rifarsi sotto per un obiettivo così importante, però sono convinto che le classifiche degli ultimi anni non rendano assolutamente onore a questa squadra". Saponara, tornato alla Fiorentina, può godere di una conoscenza già acquisita con il neo tecnico gigliato, Vincenzo Italiano, avuto come proprio allenatore nella passata stagione allo Spezia. "Lo spirito del mister credo sia quello che ha fatto la differenza l'anno scorso a La Spezia – ha ammesso – Uno spirito che ha condotto un gruppo di giocatori che non conosceva la categoria, e molto giovani, alla salvezza. Io sono stato fortunato a poter lavorare con lui perché mi piace tantissimo, abbiamo instaurato un ottimo rapporto, e ci siamo sentiti anche durante le vacanze per uno scambio di opinioni sull'opportunità che gli sarebbe capitata", ovvero quella di venire ad allenare la Fiorentina. "Sicuramente parto avvantaggiato perché ha un gioco abbastanza delineato, schematico, conosco le sue richieste che non sono così difficili da apprendere, ed ogni giocatore avrà la possibilità di farle proprie in poco tempo. All'inizio mi ha anche chiesto di trascinare i ragazzi più giovani nel capire cosa chiede, e di aiutarli nell'apprendimento. Secondo il mister posso dare una mano quest'anno, quindi ci sono buone probabilità che io possa rimanere, ma sono aperto a qualsiasi possibilità. Vedremo da qui a fine mercato che cosa mi diranno". (ITALPRESS). lc/mc/red 23-Lug-21 12:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, a giugno contagi sul lavoro al minimo storico

Articolo successivo

Calcio: Torino. Ansaldi “Zero parole, dobbiamo avere umiltà e fame”

0  0,00